Ambientalisti e associazioni ripuliscono Foce Bevano dalla plastica

La rete di associazioni territoriali torna in campo per la tutela e la salvaguardia di un'area estremamente preziosa per il territorio

Ambientalisti e associazioni ripuliscono Foce Bevano dalla plastica. La rete di associazioni territoriali torna in campo per la tutela e la salvaguardia di un'area estremamente preziosa per il territorio. L'appuntamento è per domenica 16 febbraio alle 9 alla sbarra di ingresso delle Pineta Ramazzotti (viale Paolo e Francesca a Lido di Dante) per la registrazione, la consegna dell'attrezzatura ed una breve introduzione da parte di Giorgio Lazzari sul libro "Il Caso Ortazzo" per ricordare le urbanizzazioni che tempo fa videro sotto minaccia queste zone.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Partiremo poi assieme per renderci conto della quantità di rifiuti presenti alla Foce e rimboccarci le maniche nella rimozione, all'interno del progetto Green Eye 2.0 - spiegano gli organizzatori - La pulizia riguarderà particolarmente l'area interna della Foce, senza andare sulla spiaggia a seguito di monitoraggi in corso da parte dell'Ispra". Partecipano e aderiscono all'iniziativa Wwf Ravenna, Italia Nostra Ravenna, L'Arca, Mama's Club, Ortisti di Strada, Uniamoci e il Comitato Cittadino di Lido di Dante

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un ravennate in Nuova Zelanda: "Guardavano noi italiani con diffidenza, ora il panico è arrivato anche qua"

  • Si cappotta in un campo col camion: portato a Bologna in elicottero, è gravissimo

  • Il cuore grande dei romagnoli: vacanze in campeggio gratis per medici e infermieri

  • Scompare da casa, vasta ricerca delle forze dell'ordine su tutto il territorio

  • Il Coronavirus si porta via un medico: "Una splendida persona sempre disponibile"

  • Coronavirus, rallentano i contagi e crescono i guariti. Ma Ravenna conta un altro morto

Torna su
RavennaToday è in caricamento