Il ruolo dell'autorità urbana nella politica di sicurezza urbana

Doppio appuntamento europeo sulla Sicurezza urbana per l’Unione della Romagna Faentina

Il mese di febbraio si aprirà con un doppio incontro europeo sul tema della sicurezza urbana e sul ruolo delle autorità locali. Per quattro giorni – dal 4 al 7 febbraio 2020 - oltre cinquanta rappresentanti di città, regioni, stati membri ed organizzazioni europee si incontreranno a Faenza per approfondire i principali temi della sicurezza urbana, dalla percezione da parte dei cittadini, all’uso delle nuove tecnologie e relativi finanziamenti, fino al ruolo attivo delle comunità.

Il primo incontro si svolgerà dal 4 al 5 febbraio 2020, e riguarderà il progetto Urbsecurity, mentre il secondo incontro che vedrà coinvolti i partner del Parternariato europeo sulla sicurezza negli Spazi pubblici si terrà dal 5 al 7 febbraio. E’ anche previsto un momento comune nel pomeriggio del 5 febbraio dalle 16.00 alle 19.00 quando due gruppi si incontreranno in un meeting congiunto per condividere esperienze, conoscenze e sviluppare azioni comuni insieme ai rappresentanti delle autorità europee nazionali e regionali.

L’Unione della Romagna Faentina è da tempo impegnata per favorire lo sviluppo e la diffusione di un approccio integrato al tema della sicurezza urbana; tema che riveste un’importanza particolare per i cittadini poiché contribuisce al benessere e alla qualità della vita sul territorio. Le amministrazioni locali – città, unioni di comuni – non hanno competenze dirette su questo tema che è presidiato dalle forze di polizia nazionale, tuttavia possono attivare azioni diverse finalizzate alla prevenzione. Per un ente locale sviluppare politiche di sicurezza urbana integrata significa intervenire sul tema della sicurezza partendo da molti fronti.

L’Unione della Romagna Faentina ha attivato da tempo un insieme di interventi che vanno dalla collaborazione fra la polizia locale le forze Security in Public Spaces dell’ordine nazionali, allo sviluppo dei sistemi di controllo (videosorveglianza), al coinvolgimento attivo dei cittadini – controllo di vicinato e assistenti civici anche attraverso un’attenzione alla rigenerazione urbana e a politiche sociali inclusive. Dal 2018 l’Unione della Romagna Faentina lavora per condividere questo approccio alle politiche di sicurezza urbana a livelli diversi – regionale nazionale ed a livello europeo – sottolineando come anche i territori che hanno dimensioni relativamente piccole possano proporre esperienze innovative e di successo sul questo tema. Sul fronte europeo ha trovato un riconoscimento in due esperienze particolari: l’Agenda Urbana dell’Unione Europea – Parternariato Europeo sulla Sicurezza negli Spazi Pubblici e il progetto UrbSecurity, finanziato nell’ambito del programma Urbact. Il Parternariato europeo sulla Sicurezza urbana è stato costituito nel novembre 2018 nell’ambito dell’Agenda Urbana dell’Unione Europea. E’ composto dalla città di Nizza che lo coordina insieme alla città di Madrid e al Forum Europeo per la Sicurezza Urbana, dalle città Helsinki, Lilla, Mechelen, Riga, Torun, dall’Unione della Romagna Faentina, dalla Regione di Bruxelles Capitale e dalla Regione Toscana dal Ministero Croato per le infrastrutture e la programmazione, il Ministero dei Trasporti della Repubblica Ceca, a cui si aggiungono la Banca Europea per gli Investimenti- BEI e l’associazione Eurocities.

Le attività del Parternariato - che proseguiranno fino al 2022 - contribuiranno ad affermare il ruolo chiave che le autorità locali urbane svolgono sul tema della sicurezza in Europa, a favorire la condivisione di conoscenze e lo scambio di buone prassi sui temi della sicurezza, proporre revisioni e sviluppi normativi e anche definire nuovi schemi di finanziamento a livello europeo per sostenere e finanziare nuove iniziative e azioni innovative. Conclusa la fase di avvio che ha portato alla presentazione di un Documento di Sintesi (Orientation Paper) che definisce il campo di applicazione e individua le priorità, è attualmente in corso l’elaborazione del Piano di azione ossia di un set di azioni concrete complete di raccomandazioni per la realizzazione finalizzate a migliorare il coordinamento e l’efficacia delle politiche di sicurezza urbana sul territorio; a seguire è prevista un’ampia consultazione a livello europeo per la definizione di un Piano d’Azione europeo per la sicurezza urbana e una quarta fase destinata all’attuazione del Piano d’Azione a livello nazionale locale e internazionale. Il progetto UrbSecurity ha l’obiettivo di analizzare le strategie e i concetti di progettazione e pianificazione urbana che possono contribuire a prevenire fenomeni di isolamento e comportamenti anti sociali e, di conseguenza, contribuire a migliorare la qualità della vita dei cittadini e la loro percezione di sicurezza urbana. Come rete di 9 città, UrbSecurity si propone di attuare un approccio integrato e partecipato alla sicurezza urbana, coinvolgendo tutti gli attori rilevanti (stakeholders) nel processo di co-creazione di un Piano di Azione Integrato per ognuna delle città partecipanti.

Il parternariato è composto dalla città di Léira (PT) capofila del progetto, Mechelen (BE), Pella (EL), Madrid (ES), SZABOLCS 05 Regional Development Association Of Municipalities (HU), Longford (IE), Parma (IT), Unione Della Romagna Faentina (IT), Mesto Michalovce (SK). È un progetto Urbact, finanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale – FESR.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primo caso di coronavirus nella provincia di Ravenna: positivo un ragazzo di 21 anni

  • Coronavirus, gli ultimi aggiornamenti: nessun caso in Romagna, 17 in Emilia

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni sospesi fino al 1° marzo in Emilia-Romagna

  • Scossa di terremoto nel pomeriggio di domenica, il sisma avvertito distintamente nel ravennate

  • Coronavirus, gli ultimi aggiornamenti: nel riminese il primo caso in Romagna

  • Proroga della chiusura delle scuole? In Regione ci stanno pensando. L'assessore alla Sanità: "E' probabile"

Torna su
RavennaToday è in caricamento