'La Forza della fragilità', uno studio sul lavoro precario per aiutare le persone in difficoltà

Una ricerca che è stata condotta in vista di un grande obiettivo finale: creare ulteriori sinergie e opportunità per sperimentare modalità innovative di inserimento lavorativo sul territorio

Venerdì 13 dicembre alle ore 18 presso Faventia Sales verrà presentato il progetto “La forza della fragilità” finanziato dalla Regione Emilia-Romagna, nell’ambito della co-progettazione coordinato da Per gli altri – Centro di Servizio per il Volontariato di Ravenna, e nato in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Faenza. Numerose le associazioni e gli enti che hanno lavorato nella rete: Consulta del Volontariato e delle Associazioni della Romagna Faentina ODV, Circolo Legambiente Lamone Faenza, Centro di solidarietà di Faenza, SOS Donna, Farsi prossimo, Confraternita di miseriscordia di Castel Bolognese, Teatro due mondi, Amici dell'Europa, ASP Romagna Faentina, IRSEF, Il Villaggio Globale, Caritas Diocesana Faenza - Modigliana, Tavolo sociale Castel Bolognese.

Una serata ricca di contributi e un’occasione, anche per i cittadini, di osservare una parte del lavoro che le realtà associative del territorio svolgono quotidianamente ed entrare in contatto con le loro esperienze progettuali. Interverranno Andrea Luccaroni e Claudia Gatta, rispettivamente Assessore alla Polizia municipale, sicurezza e associazionismo e Assessora ai servizi sociali del Comune di Faenza; la Consigliera regionale Manuela Rontini dell'Emilia Romagna. Prenderanno parola per introdurre e spiegare il progetto il presidente dell’associazione capofila Consulta del Volontariato e delle Associazioni della Romagna Faentina Odv Antonio Masi e Massimo Caroli, presidente Asp Romagna faentina.

Verrà dunque presentata la ricerca "La forza della fragilità - per un lavoro degno" da parte dei referenti Leonardo Altieri, Cristiana Laghi, Damiano Cavina, Vittorio Bardi. Uno studio finalizzato ad ottenere un quadro generale delle forme di povertà legate alla mancanza di lavoro o al lavoro povero e precario all’interno dell’Unione di comuni della Romagna Faentina, individuando e censendo la platea complessiva delle persone in difficoltà, sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo. Una ricerca che è stata condotta in vista di un grande obiettivo finale: creare ulteriori sinergie e opportunità per sperimentare modalità innovative di inserimento lavorativo sul territorio e prospettare ulteriori passi avanti nella lotta alla disoccupazione e alla situazione di disagio e povertà. Sperando in un lavoro che sia veramente “degno”, ossia che sia svolto in sicurezza, con la necessaria formazione, che abbia la giusta retribuzione, evitando qualsiasi forma di sfruttamento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le associazioni in rete presenteranno poi le azioni di progetto e saranno presenti con degli stand informativi, un momento di condivisione fra tutti i volontari dove ogni associazione avrà la possibilità di farsi conoscere esponendo i materiali e i documenti relativi ai propri ambiti di intervento. A fine serata verrà offerto un apericena a cura della “Piadineria La Sociale". L’evento, organizzato in collaborazione con Per gli altri - Csv di Ravenna, sarà moderato dalla Direttrice dell’associazione, Denise Camorani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con la moto: il guard rail gli amputa entrambe le gambe

  • I vantaggi del fitwalking, un ottimo modo per dimagrire e rimettersi in forma

  • Coronavirus, i divieti che restano in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Scoppia un incendio nell'allevamento: tanti uccelli morti tra le fiamme

  • Perde il controllo dell'auto e si schianta contro un muretto: grave incidente sulla Brisighellese

  • Laura, unico caso di Coronavirus a Bagnara: "Il tampone era negativo, l'ho scoperto col test sierologico"

Torna su
RavennaToday è in caricamento