"Polo delle arti della città": un tavolo su progetti per un futuro artistico sostenibile

Tale progetto prevede la creazione di un polo delle arti della città, che è importante mettere in relazione con esperienze 'sorelle' quali, ad esempio, quelle di Torino e Genova

Martedì 25 febbraio, alle 10, nella sala Corelli del teatro Alighieri, in via Mariani 2, si terrà un tavolo di confronto pubblico sul tema “Polo delle arti della città: progetti per un futuro artistico sostenibile” nell'ambito dell'alta formazione promosso dal Comune di Ravenna, Istituto superiore di studi musicali Verdi  e Accademia di belle e arti. Al tavolo interverranno rappresentanti del Comune, dell’Istituto Verdi, dell’Accademia di belle arti, esperti ed esponenti del mondo artistico e culturale locale e nazionale.

Partendo da un excursus storico-normativo si proseguirà nella esplorazione dei rapporti fra le arti e la formazione per cercare di costruire una visione sinergica tra patrimonio artistico-culturale e formazione, tra formazione e nuove professioni, tra nuove professioni e futuro dell'arte. Il confronto è promosso nell'ambito del processo di statizzazione delle istituzioni di alta formazione del territorio. Tale progetto prevede la creazione di un polo delle arti della città, che è importante mettere in relazione con esperienze 'sorelle' quali, ad esempio, quelle di Torino e Genova.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo i saluti istituzionali, si apriranno i lavori secondo il seguente programma: “Dalla legge di riforma all'Afam. 'Poli', un 'idea dalla lunga gestazione”: interventi di  Antonio Ligios, presidente conferenza direttori dei Conservatori di musica;  Antonio Bisaccia, presidente conferenza direttori delle Accademie di belle arti; Giovanna Cassese, presidente conferenza direttori e presidenti Isia. “Il comparto Afam nella realtà dei territori: prospettive e sviluppo della formazione terziaria”:  Enrico Fornaroli, direttore Accademia di belle arti di Bologna – Ravenna. “Accademia e Conservatorio, un' esperienza di luoghi e di progetti”: Marco Zuccarini, direttore Issm (Conservatorio) Verdi di Torino; Guido Fiorato, direttore Accademia Ligustica di Genova; Salvo Bitonti, vicepresidente polo Accademia Albertina e Conservatorio Verdi di Torino. “Grandi produzioni e formazione accademica. L' esperienza dell' orchestra giovanile 'Luigi Cherubini':  Antonio De Rosa, sovrintendente Fondazione Ravenna Manifestazioni. “Beni culturali: un patrimonio con 'occhi e orecchie”.Le arti e la musica creano gli spazi culturali: Emanuela Fiori, direttore Museo nazionale di Ravenna. Anime Afam: danza, Enrica Palmieri, direttore Accademia nazionale di Danza-Roma. “Ravenna: progetto federativo delle arti del territorio. Mosaico e Musica per un nuovo passato”, interverranno Anna Maria Storace, direttore Issm Verdi Ravenna; Paola Babini, coordinatrice Accademia belle arti Ravenna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si lancia da un'auto in corsa sull'Adriatica: gravissima una donna

  • A Marina Romea con l'auto sulla spiaggia: scende, raggiunge gli scogli e cade

  • I suoi figli salvano una bimba dall'annegamento: "Mio padre morì in mare, sembra un segno del destino"

  • Alessandro Borghese gira una puntata di "4 Ristoranti" in riviera

  • Alberi caduti, nubifragi e allagamenti: i temporali seminano danni

  • Presunto ordigno bellico: divieto di accesso ad una delimitata zona di spiaggia a Marina di Ravenna

Torna su
RavennaToday è in caricamento