"Polo delle arti della città": un tavolo su progetti per un futuro artistico sostenibile

Tale progetto prevede la creazione di un polo delle arti della città, che è importante mettere in relazione con esperienze 'sorelle' quali, ad esempio, quelle di Torino e Genova

Martedì 25 febbraio, alle 10, nella sala Corelli del teatro Alighieri, in via Mariani 2, si terrà un tavolo di confronto pubblico sul tema “Polo delle arti della città: progetti per un futuro artistico sostenibile” nell'ambito dell'alta formazione promosso dal Comune di Ravenna, Istituto superiore di studi musicali Verdi  e Accademia di belle e arti. Al tavolo interverranno rappresentanti del Comune, dell’Istituto Verdi, dell’Accademia di belle arti, esperti ed esponenti del mondo artistico e culturale locale e nazionale.

Partendo da un excursus storico-normativo si proseguirà nella esplorazione dei rapporti fra le arti e la formazione per cercare di costruire una visione sinergica tra patrimonio artistico-culturale e formazione, tra formazione e nuove professioni, tra nuove professioni e futuro dell'arte. Il confronto è promosso nell'ambito del processo di statizzazione delle istituzioni di alta formazione del territorio. Tale progetto prevede la creazione di un polo delle arti della città, che è importante mettere in relazione con esperienze 'sorelle' quali, ad esempio, quelle di Torino e Genova.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo i saluti istituzionali, si apriranno i lavori secondo il seguente programma: “Dalla legge di riforma all'Afam. 'Poli', un 'idea dalla lunga gestazione”: interventi di  Antonio Ligios, presidente conferenza direttori dei Conservatori di musica;  Antonio Bisaccia, presidente conferenza direttori delle Accademie di belle arti; Giovanna Cassese, presidente conferenza direttori e presidenti Isia. “Il comparto Afam nella realtà dei territori: prospettive e sviluppo della formazione terziaria”:  Enrico Fornaroli, direttore Accademia di belle arti di Bologna – Ravenna. “Accademia e Conservatorio, un' esperienza di luoghi e di progetti”: Marco Zuccarini, direttore Issm (Conservatorio) Verdi di Torino; Guido Fiorato, direttore Accademia Ligustica di Genova; Salvo Bitonti, vicepresidente polo Accademia Albertina e Conservatorio Verdi di Torino. “Grandi produzioni e formazione accademica. L' esperienza dell' orchestra giovanile 'Luigi Cherubini':  Antonio De Rosa, sovrintendente Fondazione Ravenna Manifestazioni. “Beni culturali: un patrimonio con 'occhi e orecchie”.Le arti e la musica creano gli spazi culturali: Emanuela Fiori, direttore Museo nazionale di Ravenna. Anime Afam: danza, Enrica Palmieri, direttore Accademia nazionale di Danza-Roma. “Ravenna: progetto federativo delle arti del territorio. Mosaico e Musica per un nuovo passato”, interverranno Anna Maria Storace, direttore Issm Verdi Ravenna; Paola Babini, coordinatrice Accademia belle arti Ravenna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, pesante aumento nel ravennate: 64 nuovi contagiati e un decesso

  • Coronavirus, 38 nuovi casi nel ravennate: gli infetti salgono a 489

  • Coronavirus, ecco il nuovo decreto: tutte le novità su spostamenti, lavoro e multe

  • Inquinamento alle stelle, valori record in tutta la Romagna: la spiegazione di Arpae

  • Terrore in strada: spoglia una donna e la palpeggia, minore denunciato per violenza sessuale

  • Il Coronavirus strappa alla vita Andrea Gambi, direttore di Romagna Acque

Torna su
RavennaToday è in caricamento