Villanova ricorda il 75esimo anniversario dell'eccidio dei Tre Martiri

Il 16 novembre del 1944, in seguito all’aggressione ai danni di un militare tedesco, i nazisti rastrellarono numerosi villanovesi

Sabato 16 novembre si svolgerà a Villanova di Bagnacavallo la celebrazione del 75esimo anniversario dell’eccidio dei Tre Martiri, in memoria di Antonio Bandoli, Fausto Fantoni e Matteo Morelli e delle vittime di tutte le guerre.

La comunità villanovese si ritroverà alle 9.30 in piazza Tre Martiri, con gli interventi del presidente del Consiglio comunale Matteo Giacomoni, in rappresentanza dell’Amministrazione comunale di Bagnacavallo, e Rosalia Fantoni. La cerimonia proseguirà con poesie e canzoni eseguite dagli alunni della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado di Villanova. Infine, si raggiungerà in corteo il cippo di via Rampa che ricorda i Tre Martiri per la deposizione di fiori. La cerimonia è organizzata da Consiglio di Zona di Villanova e Comune di Bagnacavallo. Alle 21, infine, presso la chiesa parrocchiale di Villanova si celebrerà una messa in memoria dei Caduti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’eccidio dei Tre Martiri fu un episodio che segnò profondamente la storia di Villanova. Il 16 novembre del 1944, in seguito all’aggressione ai danni di un militare tedesco, i nazisti rastrellarono numerosi villanovesi. Nonostante i disperati tentativi dell’arciprete don Giovanni Melandri di sottrarli alla forca, furono impiccati in via Rampa Antonio Bandoli (26 anni), Fausto Fantoni (29 anni) e Matteo Morelli (20 anni); il quarto dei condannati, Francesco Bagnari, riuscì invece a fuggire perché la corda alla quale era stato appeso si spezzò. Da quel 16 novembre del 1944, per espressa volontà dell’arciprete don Giovanni Melandri, ogni anno viene celebrata una messa. Sulla via Rampa resta un cippo che ricorda le tre vittime e i molti altri villanovesi uccisi dai nazifascisti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con la moto: il guard rail gli amputa entrambe le gambe

  • Tragico schianto tra tre auto all'incrocio: muore un automobilista

  • I vantaggi del fitwalking, un ottimo modo per dimagrire e rimettersi in forma

  • Investita alla rotonda mentre va in bici: donna in gravi condizioni

  • Aggredite a morsi dal cane nel cortile di casa: bambine in ospedale

  • Coronavirus, un nuovo caso e un decesso: i test sierologici scoprono gli asintomatici

Torna su
RavennaToday è in caricamento