37 aziende nella 'black list' dell'Antimafia: tante ombre nel settore edile

L’antimafia ha trovato ombre soprattutto nel settore edile (90%), ma anche in aziende agricole, commercio (tabacchi, in particolare) e servizi

Sono ben 37 le aziende ravennati inserite in "black list". La statistica stilata dalla Dia - Direzione Investigativa Antimafia - presentata domenica a Bologna evidenzia come negli ultimi 5 anni le prefetture dell’Emilia Romagna abbiano emanato ben 238 interdittive antimafia nei confronti di altrettante aziende, distribuite perlopiù sul versante emiliano della regione. L’antimafia ha trovato ombre soprattutto nel settore edile (90%), ma anche in aziende agricole, commercio (tabacchi, in particolare) e servizi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ravenna è terza in classifica in Regione: al primo posto Reggio Emilia con 67 aziende, seguita da Bologna con 62. Dietro Ravenna invece Modena (30), Ferrara (22), Parma (8), Piacenza e Rimini (6) e infine Forlì-Cesena, con zero aziende in black list.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con la moto: il guard rail gli amputa entrambe le gambe

  • Coronavirus, i divieti che restano in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Scoppia un incendio nell'allevamento: tanti uccelli morti tra le fiamme

  • Perde il controllo dell'auto e si schianta contro un muretto: grave incidente sulla Brisighellese

  • Fase due, Bonaccini: "Prudenza o tra qualche settimana dovremo richiudere"

  • Il caso era stato segnalato a "Chi l'ha visto?", trovata l'anziana allontanatasi da Milano

Torna su
RavennaToday è in caricamento