600 firme in 24 ore per la petizione per chiedere lo sblocco dei fondi della Darsena

Sono già più di seicento, in meno di ventiquattro ore, le firme a sostegno della petizione per chiedere al Governo e al Parlamento di sbloccare i fondi per la riqualificazione della Darsena di città

Sono già più di seicento, in meno di ventiquattro ore, le firme a sostegno della petizione per chiedere al Governo e al Parlamento di sbloccare i fondi per la riqualificazione della Darsena di città. Il Governo, nel decreto Milleproroghe, ha bloccato l’erogazione dei finanziamenti per la realizzazione dei progetti del Bando periferie, compreso il nostro progetto "Ravenna in Darsena – il mare in piazza"

"Il successo di questa petizione in così poco tempo – commenta il sindaco Michele de Pascale – dimostra come la nostra Darsena sia un luogo che sta profondamente a cuore a tutti i ravennati. Il mio sincero ringraziamento va ai privati, coinvolti nel progetto, per essersi subito uniti al nostro appello e a tutti quei numerosi cittadini che hanno sottoscritto la petizione. Continuiamo così, noi non smettiamo di crederci. Ci vediamo tutti in Darsena mercoledì 3 ottobre alle 18.30 per chiedere insieme al Governo di ripensarci".

Anche Legacoop Romagna ha aderito alla iniziativa lanciata dal sindaco De Pascale: "Chiediamo che vengano rispettati gli impegni presi. Le risorse previste per il bando periferie devono essere ripristinate - spiega il direttore generale di Legacoop Romagna, Mario Mazzotti - Si tratta di opere fondamentali per la riqualificazione della città di Ravenna, del suo territorio e del suo porto, al pari di quelle previste per Cesena, Forlì e Rimini. Cancellare impegni già assunti e deliberati e per i quali le procedure attuative erano già in fase avanzata è un atto illegittimo oltre che sbagliato e controproducente. Le istituzioni sono credibili se mantengono gli impegni nei confronti delle comunità. Per questo aderiamo all’iniziativa intrapresa, sicuri che i progetti per la Romagna possano essere realizzati". Legacoop Romagna ha inviato alle cooperative associate un messaggio chiedendo di firmare e fare firmare la petizione che sarà inviata a Governo e Parlamento, anche nella sua versione online.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento schianto frontale, grave una donna incinta: trasportata al "Bufalini" in condizioni critiche

  • Trema la terra poco dopo le 18, scossa di terremoto nel ravennate

  • Terremoto nella notte, una nuova scossa fa tremare la terra

  • Travolto da un'auto mentre va a scuola in bici: 13enne in ospedale

  • Una giovane vita spezzata troppo presto: tanta commozione ai funerali di Lorenzo Forte

  • Torna il corso per diventare balia di gattini

Torna su
RavennaToday è in caricamento