Al via la riforestazione del Parco naturale di Cervia dopo la tromba d'aria

A Cervia è il primo dei tre interventi previsti, che permetteranno di piantumare complessivamente oltre 3.200 alberi

Partito il progetto di forestazione che vede al centro il Parco Naturale di Cervia. Saranno piantumati 1.240 giovani alberi, grazie all’iniziativa “Un nuovo socio un nuovo albero” che Coop Alleanza 3.0 ha realizzato con la collaborazione di Legambiente e AzzeroCO2. Dal 1 ottobre al 30 novembre scorsi, per ogni giovane nuovo socio tra i 18 e i 25 anni la cooperativa si è impegnata a piantare un nuovo albero: a Cervia il primo dei tre interventi previsti, che permetteranno di piantumare complessivamente oltre 3.200 alberi. Il consorzio Parco Naturale di Cervia, gestore del Parco Naturale, si farà carico del mantenimento dell’intervento di forestazione per i prossimi anni.

L’iniziativa di Coop Alleanza 3.0 rientra nella Campagna nazionale "Mosaico Verde", ideata e promossa da AzzeroCO2 e Legambiente, con lo scopo di facilitare l’incontro tra le necessità degli enti locali di recuperare aree verdi e la volontà delle aziende di investire risorse nella creazione o tutela di boschi permanenti, come misura di responsabilità sociale d’impresa. Mosaico Verde ha un obiettivo ambizioso: piantare 300.000 nuovi alberi e tutelare 30.000 ettari di boschi esistenti su tutto il territorio nazionale.

L’intervento di piantumazione interesserà 4 aree tra loro contigue all’interno del Parco Naturale di Cervia, che il 10 luglio 2019 è stato oggetto di una tromba d’aria che ha distrutto buona parte della Pineta per schianti e ribaltamenti. Il Parco Naturale di Cervia è un sito molto rilevante a livello ambientale e naturale: costituito da una pineta di circa 27 ettari, si estende fino a Milano Marittima e rientra all’interno di un sic (Sito di Importanza Comunitaria).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le specie arboree scelte per l’intervento sono tutte autoctone, coerenti con le condizioni climatiche e naturalistiche dell’area: l’obiettivo, con il tempo, è di ricostituire la pineta e la macchia mediterranea e renderla nuovamente fruibile a residenti e turisti. Gli alberi saranno collocati a gruppi a formare dei piccoli nuclei di forma irregolare e con andamento molto naturaliforme. Gli arbusti, invece, saranno impiegati sul lato confinante la pista ciclabile e la linea ferroviaria Rimini-Ravenna, rispondendo a esigenze di schermatura visiva, per tranquillizzare e isolare gli animali dalla presenza dell’uomo, e di tipo normativo, nel rispetto delle distanze previste per la sicurezza delle linee ferroviarie.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con la moto: il guard rail gli amputa entrambe le gambe

  • I vantaggi del fitwalking, un ottimo modo per dimagrire e rimettersi in forma

  • Coronavirus, i divieti che restano in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Scoppia un incendio nell'allevamento: tanti uccelli morti tra le fiamme

  • Perde il controllo dell'auto e si schianta contro un muretto: grave incidente sulla Brisighellese

  • Fase due, Bonaccini: "Prudenza o tra qualche settimana dovremo richiudere"

Torna su
RavennaToday è in caricamento