Bagnacavallo, torna a nuova vita l'antico convento di San Francesco

Chiusa la gara per la gestione. Previsti un servizio di alloggio per soggiorni di breve o lunga durata e la riapertura del ristorante, già a Pasqua 2017.

Si è chiusa la gara indetta per la concessione in gestione di parte dell’antico convento di San Francesco. Il progetto che si è aggiudicato il bando pubblico è stato presentato in Municipio, alla presenza del sindaco Eleonora Proni, della responsabile del Servizio Turismo dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna, Raffaella Costa, e dei due vincitori del bando, Fulvia Damiani e Paolo Camprini, che costituiranno a breve una società per la gestione del complesso.

“Per noi, un sogno che si avvera – hanno affermato con soddisfazione Damiani e Camprini –. L’obiettivo è quello di riattivare in modo giovane e innovativo il complesso mettendo in connessione i tre macroambienti concessi dal bando di gara. Più servizi collegati tra loro in un’unica struttura ricettiva polifunzionale ad alto valore storico culturale”.

Il progetto comprende l’intero complesso oggetto di gara, costituito dall’ex ostello, dall’ex ristorante e dalla porzione di chiostro prospiciente gli ingressi interni dell’ex ostello, in via Cadorna a Bagnacavallo.

Per quanto riguarda l’ex ostello, si prevede un servizio di alloggio per soggiorni di breve o lunga durata in un'atmosfera ospitale e conviviale, con la valorizzazione degli spazi comuni, un servizio di prima colazione. L’apertura andrà da Pasqua a metà ottobre; nel restante periodo dell’anno sarà possibile soggiornare su prenotazione e in occasione delle festività. Le diciannove camere a disposizione saranno predisposte per offerte diversificate: sono previsti interventi di arredo e arricchimento per accogliere anche famiglie con bambini accanto a gruppi numerosi e scolaresche. Si effettuerà un restyling dello spazio ristoro e delle aree comuni. Inoltre verranno organizzati corsi e laboratori didattici sulle tradizioni romagnole e approfondimenti sui prodotti locali con realtà aziendali e artigiane.

Il chiostro, importante collegamento tra interno ed esterno, sarà arricchito da elementi d’arredo per diventare una zona di aggregazione e relax nel periodo di apertura della struttura ricettiva. L’area sarà poi animata da un programma di eventi pubblici e privati in sinergia con tutto il complesso.

L’ex ristorante, che necessita di interventi di adeguamento alle norme di legge, nelle intenzioni dei concessionari sarà affidato a un professionista della ristorazione per tornare a svolgere la propria funzione originaria.

L’apertura della struttura ricettiva, che conserverà il nome Antico Convento San Francesco, è prevista già a Pasqua 2017.

La concessione avrà una durata di sei anni, rinnovabili per ulteriori sei, con un canone annuo di 12.100 euro più Iva per i primi sei anni.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Incidenti stradali

      Pauroso schianto in A14, due camion sventrati: e l'autostrada si trasforma in un campo minato

    • Cronaca

      Via vai di clienti, blitz dei Carabinieri: chiusa a Savio una casa a luci rosse

    • Cronaca

      Si ribalta col furgone, a bordo 8 bottiglie di birra vuote: "Statemi lontano o vi sparo in bocca"

    • Cronaca

      Passaggio a livello chiuso per venti minuti: code lunghe fino a 3 km, protestano tutti

    I più letti della settimana

    • Drammatico schianto prima contro la cuspide e poi contro un pullman: due morti

    • Muore sul colpo nello schianto contro un palo, forse per evitare un cane in strada

    • Passeggia col proprio cane, se lo vede sbranato e ucciso da un bull terrier

    • Dopo lo scontro auto finisce ruote all'aria e abbatte colonnina del gas: paura per madre e figlia

    • Si ribalta col furgone, a bordo 8 bottiglie di birra vuote: "Statemi lontano o vi sparo in bocca"

    • Via vai di clienti, blitz dei Carabinieri: chiusa a Savio una casa a luci rosse

    Torna su
    RavennaToday è in caricamento