Bimbi di tre anni maltrattati all'asilo, maestra indagata. La Lega: "Subito le telecamere"

A scendere in campo è la candidata alle elezioni di 'Uniti per Conselice', Eliana Panfiglio, che nel suo programma elettorale ha introdotto la videosorveglianza all’interno di asili e case di riposo

“La sicurezza dei nostri bambini è importante: gli ultimi episodi di maltrattamenti venuti alla luce nella scuola materna statale di Conselice riaprono una ferita dolorosa: episodi analoghi sono infatti avvenuti anche in passato sempre nella nostra zona. Maltrattamenti scoperti dalle forze dell’ordine grazie all’installazione di telecamere: un provvedimento che dovrebbe diventare una costante nelle nostre scuole dell’infanzia. E’ l’unico modo per vegliare sui nostri bambini ed evitare che si ripetano altri casi di maltrattamenti”.

A scendere in campo è la candidata alle elezioni del 26 maggio di 'Uniti per Conselice', Eliana Panfiglio, che nel suo programma elettorale ha introdotto la videosorveglianza all’interno di asili e case di riposo e che oggi rincara la dose dopo che un'insegnante di una scuola materna di Conselice è stata indagata per maltrattamenti aggravati nei confronti di alcuni bambini tra i 3 e 4 anni: “La sicurezza è prioritaria e tra i provvedimenti che intendiamo adottare ,se i cittadini decideranno di cambiare il 26 maggio, c’è proprio quello di installare le telecamere negli asili e nelle case di risposo, perché è l’unico modo per proteggere le fasce più deboli della popolazione: bambini e anziani. Gli episodi di maltrattamenti nei confronti di queste fasce deboli purtroppo sono in aumento in tutta Italia; bisogna fare qualcosa di concreto per fermare questo fenomeno aberrante”.

"Le telecamere devono assolutamente essere installate in luoghi come asili e case di riposo - aggiunge la capogruppo della Lega in consiglio comunale a Ravenna Samantha Gardin - dove ci sono bambini e anziani e in tutti i luoghi dove c’è la presenza di soggetti considerati più deboli e non in grado di difendersi. L’iter legislativo portato avanti dalla Lega si dovrebbe concludere a giugno. La Regione Lombardia ha già legiferato in merito, mentre la Regione Emilia Romagna continua dormire sull’argomento".

Panfiglio ricorda che nel suo programma sono previsti anche provvedimenti per garantire la sicurezza in caso di emergenze di protezione civile e a situazioni particolari a protezione dell’incolumità fisica dei cittadini in caso di eventi ambientali, come le forti piogge dei giorni scorsi, che hanno causato le piene dei fiumi mettendo a rischio il nostro territorio. “Nella Bassa Romagna per fortuna non è successo nulla di grave – afferma Panfiglio – ma in altre zone non tanto lontane da noi si sono verificati danni e situazioni di pericolo: occorre attrezzarsi per essere preparati di fronte agli eventi naturali di tale portata”.

Potrebbe interessarti

  • Benefici ed effetti collaterali dello zenzero

  • Sopravvivere al caldo senza aria condizionata? Ecco come fare

  • Biblioteche a Ravenna: elenco, contatti e informazioni

  • Come pulire il forno a microonde con prodotti naturali

I più letti della settimana

  • Estate maledetta sulle strade, nuova sciagura: centauro muore in uno scontro con un'auto

  • Forte temporale a Cervia: strade e sottopassi allagati e alberi crollati

  • Ennesima sciagura sulle strade: spezzata un'altra giovane vita

  • Paura in spiaggia: uomo rischia di annegare mentre fa il bagno

  • Schiacciata sotto un albero nella tempesta: amputata la gamba, donna resta in coma

  • Il primo tentativo era fallito, tenta di suicidarsi annegando: nuovo provvidenziale salvataggio

Torna su
RavennaToday è in caricamento