C'è Igor dietro la morte del metronotte di Savio? I pm vogliono interrogarlo

Gli inquirenti ravennati lo hanno sempre sospettato: dietro la morte di Salvatore Chianese, il metronotte ucciso il 30 dicembre del 2015 in una cava tra Savio e Fosso Ghiaia, ci potrebbe essere Norbert Feher, alias Igor il Russo

Gli inquirenti ravennati lo hanno sempre sospettato: dietro la morte di Salvatore Chianese, il metronotte ucciso il 30 dicembre del 2015 in una cava tra Savio e Fosso Ghiaia, ci potrebbe essere Norbert Feher, alias Igor il Russo. E non si escluderebbe un coinvolgimento anche nella morte di Mor Seye, il venditore ambulante senegalese di 46 anni ucciso il 12 settembre del 2015 sul litorale di Casalborsetti con quattro colpi di pistola calibro 22.

Sono questi i motivi che hanno portato la Procura di Ravenna a chiedere ai magistrati spagnoli, come riportano i quotidiani in edicola martedì, attraverso una rogatoria internazionale la possibilità di interrogare il 36enne serbo catturato in Spagna il 15 dicembre durante un conflitto a fuoco nel quale hanno perso la vita tre persone, tra cui due militari della guardia civile. I pm hanno fatto richiesta ai colleghi iberici di potere partecipare all’interrogatorio e di ricevere copia dei verbali dell’inchiesta spagnola, con particolare riferimento alle armi sequestrate all'uomo al momento dell’arresto, proprio per cercare di capire se possa essere ricondotto all'omicidio del metronotte: il killer di Salvatore Chianese, infatti, gli avrebbe sottratto la pistola, una semiautomatica calibro 9x21.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drammatico frontale sull'Adriatica, un morto e due feriti gravi

  • Dramma sui binari: perde la vita travolta da un treno

  • Precipita per oltre cento metri dal sentiero di guerra del Pasubio: muore medico in pensione

  • Spaventoso incidente stradale, coinvolte quattro auto: una donna in condizioni gravissime

  • Strage familiare a Foggia, il terzo figlio lavora a Ravenna: "Erano sereni"

  • Rubava nel supermercato dove lavora: dipendente infedele nella rete dei Carabinieri

Torna su
RavennaToday è in caricamento