La Regione in prima fila contro la lotta all'abusivismo commerciale

"Liberi dall'abusivismo. Insieme, diciamo "no" all'illegalità e al crimine, "sì" alla sicurezza e alla salute", è lo slogan scelto per la campagna

Presentata al Magazzino del sale "Torre" di Cervia la campagna contro l’abusivismo commerciale promossa dalla Regione Emilia-Romagna e realizzata d’intesa con le Prefetture e in sinergia con le istituzioni e le associazioni di categoria, che ha l’obiettivo di sensibilizzare i residenti e i turisti della riviera romagnola per disincentivare gli acquisti da operatori abusivi. “Liberi dall’abusivismo. Insieme, diciamo "no" all’illegalità e al crimine, "sì" alla sicurezza e alla salute”, è lo slogan scelto per la campagna.

"L’obiettivo è lanciare segnali forti sia sotto l’aspetto economico, per contrastare il commercio illegale, sia sul versante sociale, per il rispetto di quelle persone, ultimo anello della catena, abusate e sfruttate da parte delle organizzazioni criminali - affermato l’assessore regionale al Turismo, Andrea Corsini -. Infatti, si legge nel dépliant della campagna, gli abusivi sono la pedina più esposta e più debole della rete dell’illegalità e  dell’economia criminale".

"L’abusivismo commerciale danneggia l’economia legale, incoraggia l'evasione fiscale e il lavoro nero e lede  l’immagine turistica della riviere romagnola - ha proseguito Corsini -. Per questi motivi  è prevista una sanzione, a partire da 25 euro,  per chi acquista prodotti o servizi abusivi. Con la campagna contro l’abusivismo, le forze dell'ordine e tutte le istituzioni  impegnate a contrastare il fenomeno cercano alleati nei cittadini e nei turisti, invitandoli a non acquistare merce abusiva e segnalando traffici e azioni illegali alle autorità competenti".

“Da tempo e con diverse e continue iniziative - ha esordito Roberto Manzoni, presidente provinciale Confesercenti Ravenna - la nostra Associazione ha evidenziato il grave problema dell’abusivismo commerciale in particolare nel periodo estivo sulla costa con tutte le sue ripercussioni negative, sollecitando azioni a mare e a monte contro questo fenomeno pervasivo. Come abbiamo sottolineato anche in un recente Libro Verde presentato pubblicamente, l’abusivismo è una piaga non solo dal punto di vista dell’evasione fiscale, dell’elusione della legalità e della sicurezza per il consumatore, ma specialmente in tempi di crisi dei consumi, è il peggior strumento di concorrenza sleale, che mina profondamente la sussistenza delle imprese oneste e legali, aumentandone la mortalità e disgregando il tessuto imprenditoriale e sociale. L’abusivismo è parte importante del più complesso fenomeno dell’illegalità nel territorio. Quest’anno registriamo con favore, e ne diamo atto, importanti impegni e risposte da parte delle nostre autorità".

"Dopo le iniziative assunte insieme nelle scorse settimane nelle realtà di Rimini, Forlì-Cesena e Ferrara, dopo l’innovativo accordo sottoscritto l’11 maggio a Ravenna su iniziativa del Prefetto e con il concorso dei Comuni di Cervia e Ravenna e delle Forze dell’ordine, e la collaborazione di associazioni e Camera di Commercio, accordo che tra gli altri vede già la presenza della vigilanza nei lidi e sulla spiaggia e registra i primi riscontri, ora anche la Regione, su iniziativa del presidente Bonaccini e dell’assessore Regionale al commercio Corsini, raccogliendo una delle proposte avanzate durante un incontro avuto nelle scorse settimane a Bologna, ha assunto e presentato a Cervia l’importante iniziativa di promuovere e sostenere su tutta la costa la stessa campagna di sensibilizzazione messa in atto a Ravenna e Cervia, con un messaggio forte e diretto, rivolta alla cittadinanza e ai turisti sul fenomeno, affinché non lo si alimenti attraverso gli acquisti dagli abusivi (oltre che per non incorrere nelle sanzioni) e segnalando invece gli episodi di illegalità", ha aggiunto Manzoni.

"La spiaggia non può essere trasformata in un mercato dell’illegalità e della sua tolleranza - ha aggiunto -. Queste iniziative, cui abbiamo collaborato con convinzione, rispondono alle nostre aspettative e testimoniano una nuova e forte attenzione delle autorità contro l’abusivismo. È importante che si affermi una diffusa cultura e pratica della legalità allargandosi a tutte le realtà sociali, culturali del territorio.  Manteniamo il nostro impegno contro il fenomeno anche monitorandolo, ma oggi annotiamo e sottolineiamo queste importanti iniziative, con l’auspicio di avviare e scrivere definitivamente una pagina nuova nel nostro territorio, pagina che ha bisogno di continuità e che avrà bisogno della parte nazionale e non solo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fai l'abbonamento e mangi quante volte vuoi: apre a Ravenna un 'ristorante popolare', e cerca personale

  • Il Natale arriva in anticipo: acquista un gratta e vinci e incassa una vincita milionaria

  • Dopo 21 anni il titolare della storica pizzeria è sconsolato: "Ravenna sta morendo"

  • Via Diaz sempre più deserta, chiude un altro negozio: "Per i ravennati lo shopping è solo in via Cavour"

  • Spaccata all'Unieuro: suv ariete per abbattere la saracinesca, razzia di pc e smartphone

  • La Finanza scopre un giro di fatture false per quasi un milione: maxi sequestro

Torna su
RavennaToday è in caricamento