Zaccagnini, l'emozione della famiglia: "Quanti giovani per ricordare nostro padre"

Carlo Zaccagnini racconta la sua emozione nel vedere il pienone del Pala De André. "Molto sentita la partecipazione di Mattarella e il coro di bimbi ha portato gioia e serenità"

La commemorazione per il trentesimo anniversario della scomparsa di Benigno Zaccagnini è stata una manifestazione grandiosa e molto partecipata dalla popolazione ravennate. La straordinaria, e non scontata, visita del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha fatto battere i cuori dei cittadini ravennati, così come quello di amici e familiari. 

A emozionarsi è stato anche Carlo Zaccagnini, figlio di Benigno, molto soddisfatto per la grande partecipazione della città e in particolar modo dei giovani ravennati.

Che effetto le ha fatto vedere il Pala de Andrè pieno per ricordare suo padre?

E' stata un'intensa emozione, soprattutto perché ho visto un Pala de Andrè pieno di giovani. Anche il coro dei bimbi che hanno cantato l'inno di Mameli ha conferito un tono di serenità e gioia all'occasione. E poi ho notato una partecipazione molto attenta di tutti i giovani. Apprezziamo lo sforzo del sindaco e dell'amministrazione comuanle in questa manifestazione che è davvero ben riuscita. E dove anche la partecipazione di Mattarella non è stata solo una presenza istituzionale, ma qualcosa di molto sentito.

Le è piaciuto il discorso del presidente Mattarella?

Il discorso l'ho trovato molto bello. Si può dire che Mattarella sia una continuazione del pensiero politico di mio padre, nella sua visione della collettività, nell'interpretare il bene per tutti. Questo è il quadro in cui si muoveva mio padre. E poi non bisogna dimenticare che anche il fratello di Mattarella era molto vicino a mio padre, in un'epoca in cui la segreteria Zaccagnini portò nuova linfa alla Dc di allora e portò di nuovo i giovani ad avvicinarsi alla politica. E' stata bella questa occasione dei 30 anni con la presenza del Presidente della Repubblica, è una di quelle congiunzioni astrali che solo la storia e la providdenza riescono a far accadere.

Se la sarebbe aspettata una manifestazione di questa portata?

Ho sempre avuto la convinzione che nelle nostre strade si sarebbe sempre trovata sensibilità e riconoscimento nei confronti di mio padre e questo mi faceva capire che avevamo a che fare con una figura straordinaria. Insomma non si trattava di una apparenza. Questa credibilità, che in tanti gli hanno riconosciuto, nasceva dal coomportamento e dalla sua condotta nella vita di tutti i giorni. 
Non dico che me lo aspettavo, ma in tutti questi anni si è continuato, anche grazie all'impegno di persone come Aldo Preda, a omaggiare mio padre. E da tutto ciò ho visto che è ancora molto vivo nella gente il ricordo di quest'uomo. Anno dopo anno veniva sempre tanta gente e a ogni occsione mi sorprendevo. Vuol dire che c'è un senso vero alla base, e non si tratta solo di sentimenti artificiali.

C'è un ricordo in particolare di suo padre che le piacerebbe condividere?

Di ricordi del babbo ne ho tanti, Tanti episodi straordinari. Perché lui quando rientrava a casa da Roma dismetteva il suo ruolo pubblico e diventava un cittadino qualunque, una persona comune di Ravenna. Usciva in strada e cercava di seminare la scorta, oppure andava apasseggiare con mio fratello Stefano, piuttosto che con il suo cagnolino, Pechino. Aveva questo suo modo di essere sempre sé stesso. Una capacità che la società gli ha poi sempre riconosciuto.

SPECIALE MATTARELLA A RAVENNA

Mattarella ricorda Zaccagnini rivolgendosi ai giovani: "Valori e ideali per evitare di inaridirsi"
Il giorno di Zac e Mattarella, l'amico: "Uniti dalla fede e dalle tragedie personali"
Zaccagnini, l'emozione della famiglia: "Quanti giovani per ricordare nostro padre"
Ravenna ricorda "l'onesto Zac": Un uomo di governo che lavorò per la città
VIDEO - Bagno di folla per Zaccagnini, Mattarella: "La politica non può essere disumana"
VIDEO - Mattarella a Ravenna per Zaccagnini: i bambini sul palco intonano l'Inno di Mameli

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciagura stradale nella domenica dell'Immacolata: l'auto si schianta fuori strada, muore a 22 anni

  • Gusti e sapori unici: 10 pizzerie da "provare" a Ravenna

  • Uno sguardo dentro al nuovo Mercato Coperto: ecco come è diventata la grande 'piazza della città'

  • Finge di essere rimasta senza benzina e con in auto il bimbo: tanti passanti truffati

  • Tamponamento a catena sull'Adriatica: interviene l'elicottero, lunghe code di veicoli

  • "L'Ue vieta l'unico prodotto efficace contro la cimice asiatica. Sarà un disastro"

Torna su
RavennaToday è in caricamento