Caso Cisim: "Ormai Pd è diventato sinonimo di amministrazione comunale"

Ancisi replica alla risposta del Pd dopo la diffida inviata dallo stesso consigliere al sindaco e al dirigente del servizio partecipazione e cittadinanza sul non appropriato utilizzo del Cisim

A seguito della denuncia del capogruppo di Lista per Ravenna Alvaro Ancisi, che martedì ha inviato una diffida al sindaco Michele de Pascale e al dirigente del servizio partecipazione e cittadinanza Stefano Severi sul non appropriato utilizzo del Cisim, dove il Pd ha svolto riunioni politiche di partito violando le regole che presiedono all'uso della struttura, il partito stesso ha comunicato mercoledì che il congresso del suo circolo locale, organizzato per la serata odierna in tale sede, viene trasferito presso il circolo di volontariato dell’Auser, associazione anziani della Cgil.

Cisim usato come sede Pd, la replica dopo la diffida: "Abbiamo commesso un errore"

Nel comunicato il Pd ringrazia il consigliere Ancisi "per la pronta segnalazione che ci permette di rimediare ad una spiacevole svista”. "Gesto di onestà intellettuale che, meritando apprezzamento, mi impone di non infierire, bensì solamente di aggiungere alcune precisazioni - insiste il consigliere d'opposizione - Strano che il Pd fosse “all'oscuro dell'impedimento di svolgere riunioni politiche al Cisim di Lido Adriano”. Il suo segretario è anche un amministratore del Comune di Ravenna, come anche di più lo sono il sindaco e gli assessori che figuravano tra i presenti al suo congresso di mercoledì: gli atti tramite cui il Cisim è stato affidato in gestione ad un’associazione, gratuitamente e con oneri ingenti a carico del Comune, stabilendo vincoli rigorosi di utilizzo pubblico dell’immobile per attività giovanili culturali ben precisate nel contratto, dovrebbero essere di loro elementare conoscenza, avendoli proposti e fatti approvare dalla giunta o dal consiglio comunale. Strano anche che il Comune, obbligato a vigilare sui propri beni dati in uso a terzi per finalità pubbliche, non si sia accorto della deriva politica in cui il Cisim è stato trascinato dal Pd, non certo senza responsabilità diretta dell’associazione incaricata di gestirlo. Pare quasi che partito e associazione abbiano interiorizzato, senza accorgersene, la concezione che a Ravenna il Pd e l’amministrazione comunale siano la stessa cosa, indistinguibile. Il Pd pare anche essersi dimenticato che al Cisim  aveva già svolto, il 15 maggio scorso, l’assemblea pubblica di fondazione del suo neo Circolo di Lido Adriano e Lido di Dante, che ha pubblicizzato sul proprio sito internet. A fronte di un misfatto scongiurato, uno dunque c’è comunque stato".

"Devo perciò insistere, essendo un consigliere comunale nell’esercizio delle proprie funzioni pubbliche, a rivolgermi al sindaco per chiedere ragione di quanto avvenuto a sua illogica insaputa, sollecitare un’indagine che ne accerti le responsabilità e procedere con le dovute sanzioni - conclude Ancisi - Mi compiaccio tuttavia che il Pd abbia trovato, per il suo congresso locale, una fulminea disponibilità presso la sede di Lido Adriano dell’Auser Cgil, la quale ha in atto cospicui contratti di collaborazione col Comune. Si spera che qui, non valendo il Pd come sinonimo, ogni altra attività di Lido Adriano non solo politica, ma anche sociale (non essendoci per queste alcuna sede pubblica in loco), trovi altrettanto generosa ospitalità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ennesimo violento schianto all'incrocio pericoloso: tre giovani in ospedale

  • Gusti e sapori unici: 10 pizzerie da "provare" a Ravenna

  • Muore a 57 anni dopo un'operazione: si indaga per omicidio colposo

  • Finge di essere rimasta senza benzina e con in auto il bimbo: tanti passanti truffati

  • Uno sguardo dentro al nuovo Mercato Coperto: ecco come è diventata la grande 'piazza della città'

  • Tamponamento a catena sull'Adriatica: interviene l'elicottero, lunghe code di veicoli

Torna su
RavennaToday è in caricamento