Anche nel ravennate un caso di febbre Dengue: scatta la disinfestazione straordinaria

Le autorità sanitarie hanno disposto l’attuazione di un intervento straordinario di disinfestazione contro le zanzare

L’Ausl della Romagna ha informato della presenza di un caso di febbre Dengue in una persona che ha frequentato un'area limitata del Comune di Alfonsine. In base al principio di massima precauzione e secondo quanto previsto dal Piano Regionale, le autorità sanitarie hanno disposto l’attuazione di un intervento straordinario di disinfestazione contro le zanzare in un’area che comprende alcune abitazioni del territorio di Alfonsine. La febbre Dengue è un’arbovirosi causata da 1 dei 4 sierotipi di virus Dengue, la cui trasmissione non è da uomo a uomo, ma esclusivamente attraverso punture di zanzare infette del genere Aedes (tra cui la zanzara tigre), che pungono prevalentemente di giorno.

Si informa pertanto che si provvederà, attraverso operatori specializzati della ditta Sireb, all’esecuzione di interventi di disinfestazione in zone mirate, individuate dall’Ausl locale con criteri di massima efficacia di azione e sicurezza per i cittadini della zona interessata. Il trattamento interesserà esclusivamente un tratto di Via Roma. I cittadini che risiedono nelle zone interessate sono già stati raggiunti da specifica informazione e sono invitati a collaborare con la ditta Sireb e ad attenersi alle precauzioni sotto indicate. Si ricorda che i trattamenti saranno effettuati soltanto nelle zone indicate.

Calendario degli interventi e precauzioni da adottare

Gli  interventi di disinfestazione saranno articolati nelle seguenti fasi:

Prima fase: trattamento adulticida nelle aree verdi pubbliche e nelle aree verdi private confinanti con la pubblica via per abbattere le zanzare presenti, con l’utilizzo di piretroidi per tre mattine consecutive: 

        13 luglio (sabato)  tra le 5.00 e le 7.00 del mattino
        14 luglio (domenica)  tra le 5.00 e le 7.00 del mattino
        15 luglio (lunedì)  tra le 5.00 e le 7.00 del mattino

Gli interventi devono essere eseguiti in assenza di persone e di animali nelle aree esterne ed è importante chiudere tutte le porte e le finestre delle abitazioni, spegnere i condizionatori, non esporre alimenti e indumenti, coprire gli ortaggi/frutteti (se non è possibile evitare di consumare frutta e verdura per 3 giorni e lavare prima del consumo), coprire vasche, fontane, laghetti, ciotole degli animali.  Le aree esterne possono essere frequentate stabilmente dopo 48 ore dall’avvenuto trattamento.

Seconda fase: interventi porta-a-porta nelle aree esterne private con trattamenti adulticidi, larvicidi e rimozione di tutte le piccole raccolte d’acqua in cui le zanzare si possono sviluppare. La visita a domicilio da parte della ditta Sireb sarà effettuata nel corso della mattinata di sabato a partire dalle ore 7,30 e fino al termine delle operazioni. E' assolutamente indispensabile garantire l'accesso al cortile/ giardino (solo all'area esterna) della vostra abitazione agli incaricati della ditta Sireb. 

Potrebbe interessarti

  • Cosa attrae le zanzare? E' tutta colpa della chimica

  • Sopravvivere al caldo senza aria condizionata? Ecco come fare

  • Benefici ed effetti collaterali dello zenzero

  • Street food al ristorante? Ecco i locali da provare a Ravenna

I più letti della settimana

  • Sciagura in serata: moto si schianta contro un'ambulanza, muore un 28enne

  • Forte temporale a Cervia: strade e sottopassi allagati e alberi crollati

  • Si tuffa e viene colto da un malore: muore nella piscina dell'hotel

  • Muore a 28 anni, fidanzata in prognosi riservata: c'è un testimone del drammatico incidente

  • Vento, grandine e temporali all'orizzonte: nuova allerta meteo

  • Maxi sequestro da 300 milioni a imprenditore: nel ravennate aveva case, negozi e magazzini

Torna su
RavennaToday è in caricamento