In fuga contromano sull'Adriatica rischia lo schianto: era ubriaco fradicio

Gli agenti sono riusciti ad evitare l'impatto, per poi porsi all'inseguimento (dalla corsia giusta) del folle guidatore.

Foto di repertorio

Contromano per seminare una pattuglia della Polizia Stradale di Lugo. E' quanto accaduto nella nottata di martedì nel tratto ravennate della Statale 16 Adriatica. La pattuglia stava percorrendo la corsia sud nel tratto dove le carreggiate sono divise dal “new jersey”, sulla corsia di sorpasso, quando si è trovata davanti una Fiat Multipla contromano che puntava l'auto della Stradale senza alcun cenno di frenata. Gli agenti sono riusciti ad evitare l’impatto, per poi porsi all’inseguimento (dalla corsia giusta) del folle guidatore.

Lo stesso, ancora contromano, ha lasciato l'Adriatica dall’uscita “Centro Iperbarico”, ovviamente contromano, tentando di dileguarsi verso il centro di Ravenna. I poliziotti lo hanno raggiunto, bloccandogli la strada, evitando contatti, in via Leopardi. Dopo pochi istanti agli agenti è apparsa chiara la situazione del conducente, un 40enne ravennate: aveva un tasso alcolemico di 2,55 grammi per litro, cinque volte superiore al limite di legge fissato in 0,50 grammi per litro. La "Multipla" è stata sequestrata ed il “pilota” denunciato a piede libero, oltre al ritiro della patente, la decurtazione dalla stessa di 10 punti ed una sanzione di 321 euro.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cause, sintomi e rimedi per l'anoressia sessuale

  • Tutta la comunità di Classe in lutto: dopo una lunga malattia è morto Andrea Panzavolta

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni sospesi fino al 1° marzo in Emilia-Romagna

  • Schianto tra camion e furgone all'incrocio: operaio grave in ospedale

  • Scossa di terremoto nel pomeriggio di domenica, il sisma avvertito distintamente nel ravennate

  • A soli 23 anni fa volare centinaia di persone nel mondo: "Ma quando decollo dal cielo cerco sempre Cervia"

Torna su
RavennaToday è in caricamento