"Divulghiamo il cambiamento climatico": corso con gli esperti. E nel frattempo anche un temporale fuori stagione

Nel frattempo la Romagna continua ad esser maltempo. Martedì non è mancato anche un temporale "fuori stagione"

E' ai nastri di partenza un corso di meteorologia, organizzato dall’Università per adulti di Lugo. Le lezioni saranno tenute anche quest'anno dai tecnici meteorologici certificati Pierluigi Randi e Roberto Ghiselli. Saranno dieci le lezioni in programma, da due ore ciascuna, che si terranno alle 20.30 nella sede del Liceo scientifico viale Orsini, 6 (per informazioni è possibile contattare il numero 0545-900197). Presenta il corso Randi: "Quest’anno sarà dato spazio al clima ed alla climatologia in generale, dato che normalmente si alterna un anno di meteorologia ed un anno di climatologia. Lo scopo è quello di divulgare i temi riguardanti il cambiamento climatico partendo dalla scala globale per finire a quella regionale. Ma per fare ciò sarà necessario introdurre nozioni di base concernenti il sistema climatico; storia del clima della Terra, bilancio energetico del nostro pianeta, metodi di rilevazione dei parametri climatici e strumenti, scenari futuri e corretta informazione. Insomma molta carne al fuoco per un totale di 10 lezioni ogni lunedì, augurandoci che riscuota il consenso dei partecipanti".

E nel frattempo la Romagna continua ad esser maltempo. Martedì non è mancato anche un temporale "fuori stagione". Spiega il tecnico meteorologo di Emilia Romagna Meteo - Meteocenter e vicepresidente dell'associazione Ampro (Associazione Meteorologi Professionisti): "Abbiamo avuto il transito di un fronte freddo di origine atlantica proveniente dalla Francia, associato ad aria più fredda in afflusso alle quote superiori contemporaneamente alla presenza di aria alquanto calda nei bassi strati - spiega Pierluigi Randi, tecnico meteorologo di Emilia Romagna Meteo - Meteocenter e vicepresidente dell'associazione Ampro -. Ciò ha favorito l’innesco di una estesa linea temporalesca di tipo multicellulare (QLCS), nata in Toscana (dove ha assunto una struttura del tipo MCS V-shaped, più intensa) ma che poi è riuscita a sconfinare sulla nostra regione accompagnando l’evolvere del fronte freddo da ovest ad est".

Randi, fulmini e colpi di tuono a novembre. E' normale tutto questo?
Beh del tutto normale no, anche se non è estremamente raro avere attività temporalesca nel mese di novembre, specie nella prima metà del mese. In genere in questo mese abbiamo la media di una giornata temporalesca (periodo 1981/2010), ma nel novembre attuale siamo già a due giornate, per cui siamo in “vantaggio” sulla tabella di marcia. In realtà i dati di trend dell’attività temporalesca mostrano in regione una tendenza a diminuzione nel periodo estivo (giugno-agosto) ma ad un aumento nelle restanti stagioni, con una estensione temporale dei fenomeni convettivi. Insomma i temporali arrivano prima e si esauriscono dopo rispetto ad un tempo, ma ciò è coerente con la presenza di aria più calda nei bassi strati e col verificarsi di periodi con temperature insolitamente elevate anche “fuori stagione” esattamente come in questo periodo. 

Forti sbalzi termici in appena 24 ore. Cosa sta succedendo?
Il mese di novembre è cominciato così come era finito quello di ottobre, ovvero molto mite se non proprio caldo, con temperature massime sopra i 20°C quando dovremmo averne al massimo 14-15. La responsabilità va attribuita ad un afflusso di correnti meridionali o da sud-ovest molto miti di origine sub-tropicale che sono richiamate da una profonda depressione atlantica con centro tra Francia ed isole britanniche fronteggiata da alte pressioni attive sui Balcani. Questo è un modello di circolazione tipico dell’autunno, tuttavia le masse d’aria affluite sono assai calde, cui si è aggiunto l’effetto fohn appenninico per i venti di caduta dai rilievi che comprimono e riscaldano l’aria. Sta di fatto però che a parità di modello di tempo, oggi tende ad affluire aria più calda che in passato, e qui ci ricolleghiamo al problema del riscaldamento globale già affrontato in passato.

Nei prossimi giorni cosa dobbiamo attenderci?
Rimarrà una situazione alquanto instabile poiché rimarranno depressioni atlantiche molto attive tra Francia e bacino del Mediterraneo, quindi avremo brevi pause con tempo anche discreto alternate a passaggi perturbati. Dopo la fase attuale, che terminerà mercoledì sera, avremo un miglioramento nella giornata di giovedì, ma un nuovo impulso perturbato di origine atlantica determinerà un peggioramento nella giornata di venerdì, poi altre piogge sono ipotizzabili tra domenica e soprattutto lunedì. Le temperature saranno ancora miti per il periodo, anche se tenderanno gradualmente a diminuire verso il fine settimana portandosi leggermente al di sotto della norma; tuttavia il vero freddo appare ancora lontano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche la seconda parte di novembre proseguirà secondo un trend instabile?
Il segnale va in questa direzione, tuttavia la seconda parte del mese dovrebbe vedere pause anticicloniche di maggiore durata, anche se l’incertezza è assai elevata. Di norma questi tipi di circolazione tendono a mantenersi per un certo tempo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza "cintura": si varcano i confini dei comuni solo per motivi strettamente necessari

  • Anziano fermato in un controllo 'anticoronavirus': "Io continuo a fare quello che mi pare"

  • Coronavirus, la crescita non si ferma: 22 nuovi casi e 3 decessi nel ravennate

  • Coronavirus, pesante aumento nel ravennate: 64 nuovi contagiati e un decesso

  • Trema la terra: avvertita una scossa di terremoto a Cervia

  • Coronavirus, 38 nuovi casi nel ravennate: gli infetti salgono a 489

Torna su
RavennaToday è in caricamento