Crocifisso a scuola, la Lega: "Resti nelle aule, è simbolo storico e lo impone la legge"

“Il crocifisso – spiega la candidata leghista alla presidenza della Regione, Lucia Borgonzoni - costituisce un simbolo storico-culturale, rappresenta un segno di identificazione nazionale"

Il consigliere regionale della Lega, Matteo Rancan, è il primo firmatario della Risoluzione che impegna la Giunta ad attivarsi "perché in tutte le scuole emiliano -romagnole continui a essere affisso il crocifisso, in conformità con quanto previsto dai Regi decreti n.965 del 1924 e n. 1297 del 1928; dal Consiglio di Stato n. 556 del 2006 e dalla sentenza della Corte europea per i diritti dell’uomo del 18 marzo 2011.

“Ad oggi la disputa sulla presenza del crocifisso nelle scuole è quanto mai campata per aria: il crocifisso resta nelle aule scolastiche perché così impone la legislazione vigente. Spiace sottolinearlo, ma il ministro dell'Istruzione, Lorenzo Fioramenti, deve studiare di più", spiega Rancan. "La scelta di esporre il crocifisso nelle aule scolastiche è il risultato di una serie di interventi della legislazione italiana dall’epoca risorgimentale ad oggi - si legge nel documento firmato anche da Gabriele Delmonte, Stefano Bargi, Fabio Rainieri, Daniele Marchetti, Marco Pettazzoni, Massimiliano Pompignoli e Andrea Liverani - La normativa relativa all’imposizione del crocifisso nelle scuole italiane trova una prima indiretta indicazione nella legge Casati del 1859. Ad essa sono susseguiti due Regi decreti (da ritenersi ancora in vigore in quanto mai abrogati) del 1924 e del 1928, relativi agli arredi scolastici delle scuole primarie e secondarie di primo grado, dove il crocifisso appare insieme al ritratto del re (aggiornato con il ritratto del presidente con l’avvento della Repubblica)”.

“Il crocifisso - aggiunge la candidata leghista alla presidenza della Regione, Lucia Borgonzoni - costituisce anche un simbolo storico-culturale; esso rappresenta un segno di identificazione nazionale. Insieme ad altre forme di vita collettiva e di pensiero, esso rappresenta uno dei percorsi di formazione del nostro Paese e in genere di gran parte dell’Europa, la cui origini cristiane non non possono essere né negate né cancellate. D'altronde il crocifisso non è un simbolo discriminatorio, bensì richiama valori civilmente rilevanti ed è simbolo della cultura italiana e, come tale, ha anche una funzione educativa, a prescindere dalla religione professata: è la testimonianza delle radici del Paese. La presenza del crocifisso nelle aule scolastiche non impedisce infatti agli studenti di altre culture e religioni di esprimersi, ma esprime che la laicità, tutelata dalla stessa Costituzione, è conseguenza delle radici cristiane d’Italia. Il rischio vero, infatti, è quello di intendere il concetto di laicità della scuola e dello Stato come luoghi privi di storia, di radici e di cultura. Pretendere che gli insegnanti e gli alunni siano privi di idee proprie. Uno Stato laico dovrebbe garantire a tutti di poter vivere la propria fede, non per togliere ma per aggiungere e tutelare; in questo modo la laicità diventa una ricchezza e non un impoverimento, ma il crocifisso nelle scuole non è una questione di fede, bensì di cultura".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trema la terra poco dopo le 18, scossa di terremoto nel ravennate

  • Terremoto nella notte, una nuova scossa fa tremare la terra

  • Travolto da un'auto mentre va a scuola in bici: 13enne in ospedale

  • Una giovane vita spezzata troppo presto: tanta commozione ai funerali di Lorenzo Forte

  • Allarga la tua casa costruendo una veranda

  • Torna il corso per diventare balia di gattini

Torna su
RavennaToday è in caricamento