Dal covo spunta 10mila euro di merce rubata nelle abitazioni: si cercano i proprietari

All’interno della casa sono stati rinvenuti attrezzi da scasso, capi di abbigliamento, telefoni cellulari, tv al plasma, orologi, una macchina fotografica professionale e circa 2.000 euro in contanti

Tutto è partito da un'auto rubata, rinvenuta in un controllo all'interno di un parcheggio privato. La vettura, una Jeep Renegade rubata durante un furto in appartamento a Forlì martedì scorso, è stata pazientemente tenuta sotto controllo dai poliziotti per diverse ore, per riuscire così a catturare anche chi ce l'aveva uin uso non appena si fosse presentato per utilizzarla. Un lavoro paziente, che ha permesso di smantellare quella che viene ritenuta una banda che ruota abitualmente intorno a furti in tutta la Romagna.

Grazie a questo lavoro, la Polizia di Stato ha sottoposto a fermo di Polizia Giudiziaria tre uomini - un 23enne algerino e due albanesi di 28 e 21 anni - per il reato di ricettazione in concorso. L’indagine lampo, che ha impegnato le Squadre Mobili di Ravenna e Forlì, ha permesso di recuperare anche molta refurtiva.

Nel pomeriggio di giovedì, alcuni equipaggi formati dagli investigatori delle Squadre Mobili si sono appostati con auto civetta nelle vicinanze dell’auto rubata. Verso le 18.30 è sopraggiunto un uomo, il 28enne, che mentre stava per salire a bordo è stato bloccato dai poliziotti. Alla scena hanno assistito gli altri due, fuggiti a piedi all’interno della pineta abbandonando a terra alcuni oggetti, risultati poi essere il provento di furti commessi in abitazioni di Ravenna e Cesena. Sono subito scattatte ulteriori indagini, dove è emerso che della refurtiva veniva nascosta sotto cumuli di erba nella stessa pineta.

L’attività di indagine successiva ha permesso agli investigatori di scoprire l’ubicazione del covo dei malviventi, individuato a poche centinaia di metri dal luogo del ritrovamento dell'auto. I poliziotti hanno fatto irruzione all’interno di un’abitazione sorprendendo all’interno cinque persone, tra le quali anche i due fuggitivi. All’interno della casa sono stati rinvenuti attrezzi da scasso, capi di abbigliamento, telefoni cellulari, tv al plasma, orologi, una macchina fotografica e circa 2.000 euro in contanti, tutta merce ritenuta dagli investigatri provento di furti, dal valore approssimativo di 10.000 euro. Sono in corso gli accertamenti per identificare gli eventuali legittimi proprietari, vittime dei furti. Gli arnesi da scasso erano molto "professionali", con flessibili in grado di vincere anche le casseforti più resistenti.

Il 23enne e il 28enne sono inoltre risultati gravati da precedenti penali per reati contro il patrimonio, mentre il 21enne è risultato incensurato. Il 28enne, non in regola con le norme sul soggiorno, è stato arrestato inoltre per aver fatto rientro in Italia in violazione al provvedimento di divieto di ingresso prima dell’anno 2023. Pertanto, i tre uomini sono stati sottoposti a fermo di Polizia Giudiziaria e, su disposizione della Procura di Ravenna, sono stati accompagnati in carcere a Ravenna. Denunciati a piede libero gli altri due presenti nell'abitazione, risultati irregolari.

"Ci complimentiamo col Prefetto di Ravenna Enrico Caterino e il Questore di Ravenna Rosario Eugenio Russo per l’operazione della Polizia di Stato nel contrasto ai furti in abitazione che ha consentito il fermo di tre uomini per il reato di ricettazione in concorso - commentano da Confcommercio -. L’operazione lampo delle Squadre Mobili di Ravenna e Forlì e il risultato positivo conseguito è l’ennesimo segnale di un’accurata abilità dell’indagine da parte delle donne e degli uomini delle forze dell’ordine impegnate sul territorio per garantire un elevato livello di sicurezza per cittadini e imprese, in particolare sulla prevenzione e repressione dei reati di natura predatoria. In questo contesto, va inquadrato anche l’incremento dei servizi della Polizia di Stato, disposti dal Questore, per una serie di controlli straordinari che hanno interessato nei giorni scorsi, in particolare il centro della città e la stazione di Ravenna. Il tema della sicurezza e il rispetto della legalità è centrale per Confcommercio Ravenna. E' anche oggetto di approfondimento anche l'affitto dell'abitazione usata come covo per refurtiva e immigrati irregolari, risultata dai primi accertamenti concessa da settembre scorso senza un contratto di locazione, né una comunicazione alloggiativa da parte dell'agenzia immobiliare".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Il bar era un ritrovo di persone dedite a furti e spaccio: licenza sospesa per 15 giorni

  • Cronaca

    In bici cerca di seminare i Carabinieri: nel marsupio nascondeva oltre mezzo chilo di marijuana

  • Cronaca

    Per il fisco era un contadino, in realtà si fingeva dentista e 'curava' quasi 300 clienti: maxi sequestro della Finanza

  • Cronaca

    Poliziotto libero dal servizio arresta un rapinatore al centro commerciale

I più letti della settimana

  • Scoppia un incendio nella casa di Ballardini: paura su via Faentina

  • Ausl Romagna cerca personale a tempo indeterminato: come prepararsi al concorso

  • Per il fisco era un contadino, in realtà si fingeva dentista e 'curava' quasi 300 clienti: maxi sequestro della Finanza

  • Operaio precipita nel vuoto all'interno della zona del petrolchimico

  • All'Onyx Club di Russi un tragico precedente della Lanterna Azzurra di Corinaldo

  • Addio in Emilia-Romagna al superticket su farmaci, visite ed esami: viene abolito dal primo gennaio

Torna su
RavennaToday è in caricamento