Davide Cassani tra i disastri del bellunese: "Qua tutti lavorano per ritrovare la normalità"

L'ex ciclista faentino Davide Cassani in un post sulla sua pagina Facebook ha espresso vicinanza a coloro che in questi giorni stanno vivendo il dramma del maltempo nel bellunese

"I Serrai di Sottoguda erano un paradiso, una delle strade più belle che io abbia percorso in bici: una vista che ti toglieva il fiato, quasi un sentiero d’asfalto che saliva fiancheggiando il ruscello. Un tutt’uno con la natura. Ora quella strada non c'è più". L'ex ciclista faentino Davide Cassani, ct della nazionale di ciclismo e presidente di Apt Emilia Romagna, in un post sulla sua pagina Facebook ha espresso vicinanza a coloro che in questi giorni stanno vivendo il dramma del maltempo nel bellunese, in particolar modo ricordando le pedalate lungo i Serrai di Sottoguda, oggi completamente cancellati.

"Spazzata via da una bomba d’acqua che ha messo in ginocchio tutta la zona. Sono salito fin quassù in bicicletta tra centinaia di lavoratori che, nonostante il dramma, non ti negano un saluto, un sorriso - spiega Cassani, che si è recato sul luogo devastato dal maltempo - La frase più bella è quella di una mamma che, sulla strada con un badile in mano, dice: "Grazie per essere venuti qua, ci date energia”. Questo ho notato, la grande energia che si respira nell’aria. Tutti a lavorare per trovare quella normalità che un uragano vero e proprio ha portato via. Siete ammirevoli".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Natale da favola a Cervia e Milano Marittima con 140 abeti e illuminazioni fantastiche

  • E' scomparsa Lola, la 'cockerina motociclista' che viaggiava per beneficenza

  • Le azdore romagnole insegnano come fare tagliatelle e strozzapreti e finiscono sul 'Sunday Times' - VIDEO

  • Tra strozzapreti e cappelletti: tanti ristoranti ravennati nella Guida Michelin 2020

  • Fissata la riapertura del Mercato Coperto: ristoranti, bar e anche un supermercato

  • Raffinati ed eleganti: ecco i ristoranti più romantici di Ravenna

Torna su
RavennaToday è in caricamento