Decibel con picchi fuori dai limiti sulla circonvallazione: "Altro che Abajur"

Legambiente Ravenna ha voluto lanciare una provocazione misurando il livello di inquinamento acustico provocato dal traffico automobilistico sulla Circonvallazione San Gaetanino

E’ di questi giorni la notizia secondo cui il circolo Abajur sarebbe stato multato di ingente somma a seguito del superamento dei decibel consentiti, in particolare nella fascia notturna. A questo proposito, Legambiente Ravenna ha voluto lanciare una provocazione misurando il livello di inquinamento acustico provocato dal traffico automobilistico sulla Circonvallazione San Gaetanino, hotspot del traffico ravennate e relativamente poco distante da via Ghibuzza - dove ha sede l'Abajur.

"A seguito di indagine eseguita con fonometro dalle ore 10 alle ore 10:30 di mercoledì 12 dicembre, sono state registrate punte fino a 70 decibel con intervalli di tempo prolungati a valori superiori ai 50 decibel, non trattandosi nemmeno di orario di punta. Situazione che si ripete per praticamente per tutto l’arco della giornata e che non giova sicuramente agli abitanti delle abitazioni vicine, anche nelle ore notturne - commenta Legambiente - I limiti di riferimento per questa zona, indicata di classe IV (zona acustica 13), quindi di intensa attività umana in prossimità della strada e di classe mista e a prevalenza residenziale per le zone più interne, sono rispettivamente di 65, 60 e 55 decibel dalle ore 6 alle ore 22, come definiti dall’art.2, comma 3, lettera A della legge n.447 del 26 ottobre 1995 relativamente ai valori limite assoluti di immissione".

"Legambiente vuole portare l’attenzione sui veri problemi dell’inquinamento acustico nelle città, che non sono di certo le attività culturali - proseguono dal circolo Matelda - Sarebbe più costruttivo se i cittadini si rendessero conto dell’inquinamento acustico cronico cui sono costantemente soggetti e prendessero iniziative autonome e coordinate per affrontarlo, piuttosto che aggredire attività culturali giovanili e innovative. Un atteggiamento cui il circolo Abajur non è stata l’unica vittima in città. Secondo i dati dell’OMS, in Europa 1 cittadino su 5 è esposto a danni da inquinamento acustico e la prima causa è il traffico cittadino. Se proprio è nell’interesse comune ridurre il livello di inquinamento acustico, si prendano provvedimenti locali e si facciano scelte personali per limitare condizioni di traffico intenso, soprattutto nei punti caldi della città, dove allora si che la quiete dei cittadini è messa veramente a rischio; altrimenti facciamo una multa a tutti gli automobilisti? Tra le possibili proposte: limitazione permanente della circolazione dei diesel Euro4, riduzione dei limiti di velocità a 30 chilometri orari e maggiori controlli sui motorini modificati".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Natale da favola a Cervia e Milano Marittima con 140 abeti e illuminazioni fantastiche

  • E' scomparsa Lola, la 'cockerina motociclista' che viaggiava per beneficenza

  • Le azdore romagnole insegnano come fare tagliatelle e strozzapreti e finiscono sul 'Sunday Times' - VIDEO

  • Tra strozzapreti e cappelletti: tanti ristoranti ravennati nella Guida Michelin 2020

  • Via Diaz sempre più deserta, chiude un altro negozio: "Per i ravennati lo shopping è solo in via Cavour"

  • Fissata la riapertura del Mercato Coperto: ristoranti, bar e anche un supermercato

Torna su
RavennaToday è in caricamento