Due fratelli ravennati creano un'app che riconosce i monumenti da una foto

La start-up ha brevettato un'app che riconosce un monumento con una semplice foto e fornisce al turista tutte le informazioni su di esso: "L'arte e la cultura devono essere democratiche"

Monumenti diocesani spiegati attraverso un'app: il turista inquadra un’opera d’arte o un particolare di un monumento con la fotocamera dello smartphone, scatta e l'app Getcoo fornisce, in poche schermate, tutte le informazione su quel bene. L’Opera di Religione della Diocesi di Ravenna, che gestisce cinque degli otto monumenti Unesco della città, offre ai turisti questa nuova forma di fruizione e valorizzazione dei beni che le sono stati affidati grazie alla collaborazione con Getcoo, giovane start up ravennate che nasce da un'idea dei fratelli Stefano e Claudio Berti, che lavorano con un team di altri cinque under 40 esperti in beni culturali e nuove tecnologie. La start up ha brevettato un'app che riconosce un monumento con una semplice foto e fornisce al turista tutte le informazioni su di esso. Attraverso un accordo con GetCoo, l’Opera ha aderito alla piattaforma informativa e da qualche settimana l'app, scaricabile gratuitamente da internet, contiene i testi di presentazione realizzati all’Opera per spiegare ogni dettaglio della Basilica di San Vitale, del Mausoleo di Galla Placidia, della Basilica di Sant’Apollinare Nuovo, del Battistero Neoniano e del Duomo.

“In un’ottica di promozione e di offerta di servizi aggiuntivi ai turisti, abbiamo aderito alla proposta di GetCoo perché ci è sembrata interessante e innovativa – spiega don Lorenzo Rossini, direttore dell’Ufficio Beni Culturali della diocesi – In particolare, questa nuova app mette insieme l’aspetto visivo, così importante oggi, crea interazione con il bene da comunicare ma soprattutto ci dà la possibilità di curare personalmente e gestire i contenuti da trasmettere al turista, in modo che parlino anche e soprattutto dell’identità originaria, come luoghi di culto, delle nostre chiese e dei nostri monumenti. Un nuovo modo di comunicare il patrimonio quello inaugurato con questa nuova app, che come Opera, stiamo cercando di sperimentare potenziando l’uso delle nuove tecnologie”.

“L’idea ci è venuta appunto scattando una foto a un monumento mentre eravamo in viaggio – racconta Roberta Grasso, Cultural Heritage expert di Getcoo – È applicabile a tutti i monumenti del mondo, perché non necessita di un hardware specifico. Siamo appassionati d’arte e di viaggi, e per questo abbiamo pensato a uno strumento per accedere alle informazioni principali su un monumento in maniera semplice e immediata: l’arte e la cultura devono essere democratiche, per tutti”.

Più snello dei sistemi che utilizzano Beacon (con il bluetouth) o il Qr code (codice a barre che immagazzina informazioni da leggere con il cellulare o lo smartphone), la app ideata da Getcoo ha un piccione (in inglese “coo” vuol dire “tubare” e richiama il caratteristico verso del piccione) come logo in omaggio al migliore “amico” del turista. E’ scaricabile sia per Ios che per Android.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Si scontra con un'auto e cade dalla Vespa: in gravi condizioni

  • Cronaca

    60 minuti per uscire dall'Inferno di Dante: enigmi e misteri in una 'escape room' da brividi

  • Cronaca

    Rubano in negozio e aggrediscono i commessi a colpi di catena: rapinatori in manette

  • Cronaca

    Controlli sui mezzi pesanti: la Polizia denuncia un camionista

I più letti della settimana

  • Impressionante schianto, auto accartocciata da un camion contro il muro di una casa

  • Violento schianto all'incrocio: uomo in condizioni gravissime

  • Rifiutano la scuola e vivono chiusi in camera: a Ravenna segnalati 24 'Hikikomori'

  • Quali sono le dieci migliori pizzerie di Ravenna? La classifica di Tripadvisor

  • Apre un nuovo negozio d'abbigliamento in centro storico: e cerca personale

  • Il nuovo velox fisso sull'Adriatica inizia a fare le multe: ecco cosa si rischia

Torna su
RavennaToday è in caricamento