Gli educatori chiedono diritti, stipendio e professionalità: "Non lasciateci indietro"

Attualmente percepiscono solo il 75% del salario lordo grazie al Fondo d'Integrazione Salariale, ma il decreto Cura Italia garantirebbe loro l'intera retribuzione

I servizi scolastici sono stati i primi ad essere sospesi a causa dell'emergenza Coronavirus, ma oltre alla normale attività educatori ed educatrici di Ravenna sentono che a essere sospesi sono stati anche i propri diritti. Dall'inizio della crisi, infatti, la retribuzione di questi lavoratori viene infatti coperta dal Fis, il Fondo d'Integrazione Salariale, che corrisponde al 75% lordo dello stipendio e, oltretutto, prevede un massimale lordo di 938 euro. 

Secondo gli educatori ravennati, tuttavia, questa situazione critica potrebbe essere ristabilita grazie ai provvedimenti previsti all'interno del Decreto "Cura Italia". Oltre alla richiesta del proprio salario, però si aggiunge la protesta professionale da parte di questi lavoratori che vorrebbero e potrebbero proseguire la propria attività a distanza grazie ai supporti tecnologici.

Di seguito pubblichiamo la lettera che educatori ed educatrici dei servizi scolastici e dei centri diurni di Ravenna hanno inviato al Consiglio comunale, agli assessori e al sindaco di Ravenna.

"Educatori ed educatrici non vogliono solo diritti, ma vogliono essere parte integrante di una comunità. Le nostre foto non chiedono solo diritti e copertura salariale, ma sono i simboli dei valori che intercorrono nella relazione con i ragazzi e le loro famiglie; il lavoro svolto ed il confronto costante coi loro bisogni e le loro necessità.

All'interno della sala consiliare è stato ribadito che, in questo grave momento di emergenza, nessuno rimarrà indietro e tutti saranno tutelati, perché essere comunità vuole dire essere responsabili di sé e degli altri. 

E’ un invito che facciamo nostro: sappiamo delle difficoltà che vivono i nostri bimbi, ragazzi, le loro famiglie e sentiamo la responsabilità di essergli vicini, di assisterli con la nostra cura.  Chiediamo però, a chi deve con responsabilità garantire la continuità dei servizi ai cittadini, il rispetto della nostra dignità.
Vogliamo sia riconosciuto il lavoro di ognuno di noi al 100%, così come la rispettiva retribuzione che già risulta essere bassa.

Alle figure del Sindaco e dell’ Assessora, all'interno del Consiglio comunale, chiediamo non assistenzialismo, bensì offriamo disponibilità per un progetto educativo fattibile ed organizzato con la scuola da attivare a distanza, volto a mantenere i rapporti professionali interrotti causa forza maggiore dal 23 febbraio.
Nello spirito e nella sostanza, appunto di solidarietà comunitaria, sono molte le attività a distanza che noi educatori, preparati e formati, saremmo in grado di garantire tipo: videochiamate, interrelazione tra insegnanti di sostegno ed educatori per progetti di ulteriore rafforzamento della didattica a distanza, tutoraggio on line attraverso dispositivi come pc e telefono, registrazioni di videolezioni, attività di consigli per i genitori, videochiamate ai propri utenti mantenendo così una continuità educativo-relazionale, video dimostrazioni di attività fattibili per gli utenti. 

Riteniamo che in un momento così ad alto rischio di contagio per tutta la popolazione, la didattica e la presenza relazionale pur a distanza, sia l’unica praticabile in piena sicurezza, cosa che non può esseregarantita in un servizio di tipo domiciliare. Questa considerazione non ci lascia indifferenti, al contrario ci sentiamo lacerati ed affranti, ma ad oggi non esistono reali garanzie di sicurezza; di questo ne è testimonianza il personale medico ed infermieristico che, pur operando quotidianamente con tutti i presidi si ammala perché privo di tutela effettiva per sé e per gli altri, senza calcolare poi il rischio di essere portatori sani pur in maniera inconsapevole.

Chiediamo pertanto al Comune che, a fronte del nostro impegno, ci venga riconosciuto e retribuito al 100% il monte ore complessivo dei servizi senza alcuna modifica rispetto a quello originale, garantendo in questo modo il servizio riprogettato e il monte ore contrattuale delle lavoratrici e dei lavoratori. A tal fine il Comune potrà utilizzare le proprie risorse già stanziate in precedenza, come previsto nel contratto d’appalto e come ora prevede il decreto “Cura Italia”.
Si eviterebbe in questo modo di ricorrere al FIS (Dondo d'Integrazione Salariale), che comunque copre solo in parte la retribuzione (75% lordo con un massimale lordo di 938 €), lasciando più risorse libere per tutti quei settori lavorativi che non avrebbero altre possibilità.

Certi della vostra considerazione e collaborazione, ringraziamo e attendiamo una vostra risposta. Nessuno venga lasciato indietro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Educatori ed educatrici dei servizi scolastici e dei centri diurni di Ravenna"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto tra tre auto all'incrocio: muore un automobilista

  • Schianto all'incrocio tra un'auto e un bus con a bordo i passeggeri

  • La dura scelta controcorrente del barista: "Il bar è la mia vita, ma riaprire vorrebbe dire fallire"

  • Scontro tra due ciclisti nel sottopasso: uno è in condizioni gravissime

  • Perde il controllo della moto e cade nel fosso: interviene l'elicottero

  • La Riviera ha tanta voglia di ripartire: si anticipa la riapertura degli stabilimenti balneari

Torna su
RavennaToday è in caricamento