Era agli arresti domiciliari per motivi di salute: 52enne foggiano torna in carcere

L'uomo era sottoposto al regime della detenzione domiciliare, per motivi di salute, dovendo scontare la pena definitiva di dieci anni di reclusione

La Polizia di Stato ha dato esecuzione all’ordinanza di sospensione cautelare della detenzione domiciliare e ripristino della carcerazione emessa dall’Ufficio di Sorveglianza di Bologna nei confronti di un 52enne originario di  Lucera (Foggia) e residente a Ravenna. L'uomo era sottoposto al regime della detenzione domiciliare, per motivi di salute, dovendo scontare la pena definitiva di dieci anni di reclusione, perché riconosciuto colpevole dei reati di spaccio continuato di sostanze stupefacenti, violazione della normativa concernente le armi ed estorsione che vennero accertati nell’ambito dell’operazione antidroga denominata “Black Magic”, condotta dalla Sezione Antidroga della Squadra Mobile della Questura di Ravenna e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Bologna nell’anno 2014. Il provvedimento restrittivo, che è stato eseguito dagli stessi uomini dell’Antidroga, è originato da segnalazioni delle forze dell'ordine in ordine alle violazioni delle prescrizioni, imposte dall’Ufficio di Sorveglianza di Bologna. L’uomo è stato condotto dalla propria abitazione alla Casa Circondariale di Via Port’Aurea.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La macabra sfida del 'Samara Challenge' arriva in Romagna: "Gioco pericoloso"

  • Vanno dal meccanico dopo l'incidente e ne fanno un altro: curiosa "scia" di sinistri

  • Soci, clienti e lavoratori: apre a Ravenna il primo supermercato autogestito della Romagna

  • La crema antirughe dell'azienda di Cotignola vince il premio 'Bio Awards'

  • Elisa, Alessandra Amoroso, Guccini e Tiromancino: ospiti di lusso per "Imaginaction"

  • Agricoltori in ginocchio: "Crisi senza precedenti, le aziende gettano la spugna"

Torna su
RavennaToday è in caricamento