Eventi a rischio per le norme 'anti-terrorismo': "La sicurezza non può essere un limite"

E' stato sottoscritto un emendamento in Regione per intervenire sul tema scottante che sta mettendo in difficoltà la realizzazione di numerose sagre ed eventi

"Alla luce delle preoccupazioni emerse sull’organizzazione degli eventi sul territorio a seguito della circolare Gabrielli è doveroso fare chiarezza e promuovere prima dell’estate un incontro, coinvolgendo Prefetture, tecnici e commissioni provinciali competenti, al fine di ottenere un’applicazione coerente sul territorio della normativa ministeriale facilitandone l’applicazione ed evitando di gravare in maniera sproporzionata sulle piccole iniziative di animazione del territorio". Questo il contenuto di un emendamento sottoscritto dal consigliere Mirco Bagnari su una risoluzione della collega di Movimento democratico progressista Silvia Prodi, approvata durante l'ultima seduta di assemblea legislativa, per intervenire sul tema scottante che sta mettendo in difficoltà la realizzazione di numerose sagre ed eventi paesani, proprio con l’arrivo della bella stagione.

"Nonostante la volontà di garantire norme adeguate alla sicurezza, è necessario rendere comuni e realtà associative maggiormente consapevoli, oltre a favorire lo svolgimento di eventi nel rispetto delle norme – spiega il consigliere – Inoltre chiediamo alla Giunta in sede di Conferenza Stato-Regioni, di rivalutare la circolare tenendo in considerazione la fattibilità degli eventi, soprattutto per iniziative di dimensione ridotta che coinvolgono realtà locali e ambiti territoriali limitati e che contribuiscono pero in maniera rilevante ad arricchire l’offerta socio-culturale dei territori".

"Negli ultimi mesi si è avuta notizia di moltissimi eventi cancellati su tutto il territorio nazionale e anche nel ravennate la realizzazione di alcuni piccoli eventi è messa a rischio, proprio per ragioni legate ai costi e alla rigidità delle norme di sicurezza da rispettare – conclude –. La sicurezza non deve essere un limite ma un’opportunità di crescita. È pressoché impossibile infatti per una realtà medio-piccola ottenere per gran parte degli eventi un punteggio inferiore ai 15 punti, che garantiscono la soglia di rischio basso. Le circolari richiedono presidi di sicurezza come l’obbligo di affidare il servizio d’ordine a operatori professionisti, delimitare l’area dell’evento con barriere new jersey, individuare percorsi separati di accesso e deflusso, regolare e monitorare gli ingressi, anche con sistemi di rilevazione numerica progressiva. Costi che possono essere assorbiti solo da un evento di grandi dimensioni o a pagamento, ma che diventano insostenibili per le iniziative che si fondano esclusivamente sul volontariato, fiore all’occhiello dei nostri territori. Seppur garantendo la sicurezza, il nostro segnale politico è indirizzato a tutela delle feste di paese e di tutti gli eventi a titolo gratuito realizzati da anni dalle associazioni e dai comitati turistici che hanno permesso di rendere vivi i nostri territori".

Come funziona la circolare Gabrielli

Ribattezzata "circolare Gabrielli", capo della Polizia di Stato, la direttiva del luglio 2017 contiene i "Modelli organizzativi per garantire alti livelli di sicurezza in occasione di manifestazioni pubbliche", in pratica le indicazioni volte ad assicurare la massima sicurezza durante lo svolgimento di manifestazioni, anche in relazione al pericolo derivante dalla minaccia terroristica. Sono stati qualificati gli aspetti di 'safety', intesi quali misure a tutela della pubblica incolumità e quelli di 'security', a salvaguardia invece dell'ordine e della sicurezza pubblica che devono essere attenzionati al fine di migliorare i processi di governo e gestione delle manifestazioni pubbliche: "Entrambi gli aspetti devono necessariamente integrarsi tra loro, partendo da una base informativa fornita dai singoli organizzatori, al momento in cui inoltrano l'istanza e/o la comunicazione per la realizzazione delle manifestazioni", si legge nel testo.

In pratica vengono identificati dibersi livelli di rischio della manifestazione, alto, medio, basso, quindi "Ciò nella consapevolezza che per nessun evento il rischio potrà mai equipararsi allo zero, per cui le misure di mitigazione proposte prevedono la riduzione del rischio fino ad un livello residuo normalmente considerato accettabile, ferma restando un'alea che è e resta imponderabile". Quindi all'atto della richiesta, devono essere specificati: luogo, tipologia dell'evento (sportivo, religioso...), oltre a stima, età media e tipologia dei partecipanti. 

Per le manifestazioni con profilo basso devono essere assicurati i requisiti di accessibilità dei mezzi di soccorso ad una distanza dagli access ialla manifestazione non superiore a SO metri. Per il profilo medio, devono essere assicurati i requisiti di accessibilità dei mezzi di soccorso su citati all'interno dell'area della manifestazione se questa è all'aperto. Per il profilo elevato, deve essere assicurato l'accesso dei mezzi di soccorso all'interno dell'area della manifestazione, inoltre nella zona adiacente l'area dell'evento dovranno altresì essere individuate delle aree di ammassamento dei mezzi di soccorso per la gestione operativa di scenari incidentali configurabili come maxi emergenze.

Le notizie di oggi

Con la tattica della 'finta bomba' rapina banca e supermarket: arrestato presunto colpevole
Insultano il sindaco su Facebook: gli 'haters' si scusano facendo volontariato
Ubriachi in stazione, abusivi e molestatori: emessi i primi sei Daspo urbani. "Presto il provvedimento verrà esteso"
Eventi a rischio per le norme 'anti-terrorismo': "La sicurezza non può essere un limite"
Occhio alla multa: attiva la zona a traffico limitato estiva

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciagura stradale nella domenica dell'Immacolata: l'auto si schianta fuori strada, muore a 22 anni

  • Dramma sulla Ravegnana: schianto fatale, muore una giovane madre

  • Sangue sulle strade, tremendo incidente sulla Ravegnana: muore una persona

  • Vita spezzata sulla Ravegnana, Elisa era in procinto di sposarsi: "Un angelo volato troppo presto"

  • Apre in centro un bar per giovani gestito da giovani: "E se prendi 30 e lode la colazione te la offriamo noi"

  • "L'Ue vieta l'unico prodotto efficace contro la cimice asiatica. Sarà un disastro"

Torna su
RavennaToday è in caricamento