Folle inseguimento speronando la volante di Polizia: caos su viale Europa

Solo grazie all’intervento di una seconda volante, sopraggiunta dal senso opposto di marcia e messasi di traverso sulla carreggiata, si è riusciti a fare arrestare la corsa dell’auto

Caos su viale Europa. La Polizia di Stato ha arrestato un 24enne tunisino senza fissa dimora per i reati di resistenza a pubblico ufficiale e false attestazioni sulla propria identità personale. Nella notte tra martedì e mercoledì un equipaggio della sezione Volanti della Questura, nel transitare in via Canale Molinetto, ha notato una Bmw di grossa cilindrata con due persone a bordo procedere in direzione di viale Europa a forte velocità.

Gli agenti si sono messi all’inseguimento del veicolo, raggiunto dopo qualche centinaio di metri: a nulla sono valsi i dispositivi di allarme sonori e luminosi per far arrestare la marcia del veicolo che, senza accennare a rallentare, avrebbe invece cercato di speronare l’auto della Polizia ogni qual volta l’equipaggio cercava di affiancare l’auto, poi procedendo a zig-zag. Solo grazie all’intervento di una seconda volante, sopraggiunta dal senso opposto di marcia e messasi di traverso sulla carreggiata, si è riusciti a fare arrestare la corsa dell’auto.

Dall’auto è sceso il passeggero che ha tentato di allontanarsi, venendo immediatamente bloccato dagli agenti; il conducente, invece, è stato fermato mentre cercava di passare dal sedile lato guida al sedile del passeggero anteriore. Al fine di accertare quali fossero i motivi di questa condotta, verificato che l’auto non risultava rubata e che le due persone manifestavano un nervosismo crescente durante le fasi del controllo, i poliziotti hanno proceduto alla perquisizione personale estesa al veicolo, che ha dato esito negativo. Condotti in Questura per la completa identificazione sarebbe emerso che il passeggero, seppur gravato da precedenti penali, era in possesso di regolare permesso di soggiorno, mentre il conducente, che era privo di valido documento di identificazione, avrebbe declinato le proprie generalità, tuttavia sconosciute agli archivi delle forze di polizia. Attraverso un ulteriore approfondimento è emerso quindi che il 24enne, oltre a essere irregolare sul territorio dello stato, era gravato da condanne passate in giudicato per violazione della normativa sulle sostanze stupefacenti e aveva dichiarato agli agenti una data di nascita diversa da quella reale. 

ll 24enne è stato quindi dichiarato in arresto per i reati di resistenza a pubblico ufficiale e false attestazioni sulla propria identità personale. Mercoledì mattina all’udienza che si è svolta presso il Tribunale di Ravenna l’arresto è stato convalidato. Sottoposto all’obbligo di firma, il tunisino dovrà presentarsi ogni giorno alla Polizia Giudiziaria sino al 5 dicembre prossimo, data del processo.

Potrebbe interessarti

  • Case popolari: tutte le informazioni utili per il Comune di Ravenna

  • La sabbia invade casa? Ecco come ripulirla

I più letti della settimana

  • Si schianta con la moto e muore in autostrada: chi era la vittima

  • Un altro morto nel drammatico incidente di via Bastia: tragico bilancio

  • Tragedia in autostrada: si scontra contro un'auto, muore motociclista

  • I passanti vedono del fumo uscire dal ristorante: dentro era scoppiato un incendio

  • Incidente in Sardegna per una famiglia di turisti ravennati: grave un bambino

  • Cercasi attori e comparse per il nuovo video di Francesco Guccini

Torna su
RavennaToday è in caricamento