Giovanni Storti dà il via alla Granfondo del Sale 2019 con un nuovo programma 'charity'

Per tutti i ciclisti che vorranno fare una donazione a favore di chi è in difficoltà, la 23esima Granfondo Via del Sale ha pensato di aprire una finestra del nuovo charity program

Quale migliore occasione del Natale per un gesto solidale? Per tutti i ciclisti che vorranno fare una donazione a favore di chi è in difficoltà, la 23esima Granfondo Via del Sale ha pensato di aprire una finestra del nuovo charity program. Così, chi si iscriverà dal 17 dicembre fino al 7 gennaio, accanto alla normale quota di iscrizione di 50 euro, avrà l’opportunità di scegliere una delle speciali quote benefiche, la cui maggiorazione verrà totalmente devoluta in beneficienza a favore di due nuovi progetti.

La prima sfida solidale ha come obiettivo la salute dei più piccoli, attraverso un progetto curato da MANIma, una Onlus che si occupa di riabilitazione, in particolare osteopatica, in ambito pediatrico e nel mondo della prematurità grave e della disabilità correlata ad essa. Tra i fondatori di MANIma c’è l’attore Giovanni Storti, del celebre trio Aldo, Giovanni e Giacomo, grande appassionato al ciclismo, che parteciperà alla 23esima edizione della Via del Sale e darà il “via” ufficiale alla gara sulla linea di partenza. Il secondo progetto charity pone un’attenzione particolare alle donne, sempre più numerose ai nastri di partenza della Granfondo Via del Sale. Il ricavato di tutte le iscrizioni charity femminili andrà, infatti, a finanziare Linea Rosa, associazione di volontariato che offre servizi gratuiti a difesa e sostegno delle donne in difficoltà che subiscono o che hanno subito violenza psicologica, economica, fisica, sessuale, assistita, mobbing e stalking. Libertà è il tema scelto dalla Granfondo Via del Sale per la sua prossima edizione. Con questa iniziativa le amiche cicliste potranno, così, aiutare altre donne nella loro “gara” personale verso la libertà. Il ricavato proveniente dalle quote charity maschili sarà devoluto a MANIma Onlus, mentre la raccolta fondi proveniente dalle iscrizioni charity femminili finanzierà il progetto di Linea Rosa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Natale da favola a Cervia e Milano Marittima con 140 abeti e illuminazioni fantastiche

  • E' scomparsa Lola, la 'cockerina motociclista' che viaggiava per beneficenza

  • Le azdore romagnole insegnano come fare tagliatelle e strozzapreti e finiscono sul 'Sunday Times' - VIDEO

  • Via Diaz sempre più deserta, chiude un altro negozio: "Per i ravennati lo shopping è solo in via Cavour"

  • Tra strozzapreti e cappelletti: tanti ristoranti ravennati nella Guida Michelin 2020

  • Fissata la riapertura del Mercato Coperto: ristoranti, bar e anche un supermercato

Torna su
RavennaToday è in caricamento