Grazie alle donazioni nasce il nuovo 'Rifugio del cane': ecco come sarà

Il nuovo Rifugio del cane, così come il canile municipale, potrà ospitare circa 70 cani e un transito gatti

Ha finalmente una forma il nuovo "Rifugio del cane" di Faenza: è infatti conclusa la progettazione della struttura finalizzata alla custodia, cura e benessere del cane, nonché al ricovero temporaneo per gatti. Un sogno a lungo inseguito da parte dei volontari di Enpa Faenza, ma anche dai numerosi cittadini che in questi anni hanno contribuito alla raccolta fondi che ha permesso questo traguardo.

Il progetto, affidato allo studio Tecnicamista di Faenza, è stato realizzato per iniziativa di Enpa - Sezione di Faenza con il contributo della Fondazione Tobia, il sostegno dei soci, la disponibilità del Comune di Faenza e la collaborazione dell’Unione della Romagna Faentina. La struttura, conforme agli elevati standard prestazionali previsti dalle norme vigenti nella Regione Emilia- Romagna, verrà realizzata in contiguità con il canile comunale di via Plicca, nelle campagne tra Faenza e Granarolo. Nonostante il nuovo Rifugio del cane sia completamente autonomo, la vicinanza al canile comunale creerà nuove sinergie utili a elevare il benessere e la qualità di vita degli “ospiti” di entrambe le strutture; disporrà inoltre di un'area sgambamento cani aperta al pubblico.

“Finalmente tutta l’attività dei nostri volontari sarà concentrata in unico luogo - dichiara Maria Teresa Ravaioli, presidente di Enpa Faenza -. Il vecchio Rifugio del cane, già dismesso, era ormai obsoleto e dal 2020 non sarebbe stato più conforme alle nuove normative che prevedono, tra le altre cose, uno spazio di almeno nove metri quadri per cane con la propria area di sgambamento. Per questo i volontari di Enpa si sono messi in gioco per realizzare un progetto capace di rispondere alle esigenze del territorio e, soprattutto, di dare il necessario sollievo ai propri ospiti nella loro temporanea permanenza. Vorremmo anche realizzare una piccola pensione, servizio che da tempo i cittadini ci chiedono; sarà un ambiente moderno, ci saranno tante aree di sgambamento dotato anche di uno spazio con sedie e tavolini per i proprietari degli animali".

Il nuovo Rifugio del cane, così come il canile municipale, potrà ospitare circa 70 cani e un transito gatti e servirà anche i comuni di Casola Valsenio, Castel Bolognese, Solarolo, Riolo Terme e Brisighella. Il costo dell'opera è di circa 650mila euro (inclusa Iva al 22%). “Abbiamo già raggiunto una cifra alta grazie alle generose donazioni di molti amanti degli animali - spiega la presidente Ravaioli - ora siamo agli ultimi passi. Con una donazione, anche di piccola entità, si può aiutare a costruire un nuovo rifugio. Si può donare direttamente tramite bonifico, ed è tutto deducibile; tutte le informazioni su come fare sono sul nostro sito e sulla nostra pagina Facebook. È un piccolo gesto che può cambiare la sorte di tanti nostri amici animali”.

TM-1731-2P_3D enpa via plicca_2-2

TM-1731-2P_3D enpa via plicca_3-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, gli ultimi aggiornamenti: nessun caso in Romagna, 17 in Emilia

  • Tutta la comunità di Classe in lutto: dopo una lunga malattia è morto Andrea Panzavolta

  • Cause, sintomi e rimedi per l'anoressia sessuale

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni sospesi fino al 1° marzo in Emilia-Romagna

  • Scossa di terremoto nel pomeriggio di domenica, il sisma avvertito distintamente nel ravennate

  • Schianto tra camion e furgone all'incrocio: operaio grave in ospedale

Torna su
RavennaToday è in caricamento