I disabili della cooperativa sviluppano un brevetto per la lotta alla zanzara tigre

Fatturato a 9 milioni di euro per La Pieve, la cooperativa sociale di Ravenna aderente al Consorzio Solco che conta 170 soci

Fatturato a 9 milioni di euro per La Pieve, la cooperativa sociale di Ravenna aderente al Consorzio Solco che conta 170 soci (di cui 130 lavoratori) e che, nei momenti di massimo picco, riesce a dare lavoro a 250 persone. La cooperativa, punto di riferimento nei territori del ravennate e del ferrarese per quel che concerne l’assistenza alle persone con disabilità, gestisce un sistema di servizi con 7 centri residenziali tra socio riabilitativi, gruppi appartamento e casa famiglia dedicati a giovani e adulti non in grado di risiedere in famiglia, 8 centri diurni socio occupazionali dedicati a chi ha disabilità medio-gravi ed è in grado di svolgere attività occupazionali e lavorative in autonomia, un centro diurno per minori medio-gravi, un servizio di prolungamento orario per adulti medio-gravi e un servizio di Promozione al lavoro o Nucleo aziendale interno dedicato a chi ha una disabilità medio-lieve.

"Attraverso i nostri centri e servizi - sottolinea il presidente Idio Baldrati - riusciamo a dare una risposta ai bisogni di circa 175 persone e alle rispettive famiglie, occupandoci non solo dell’assistenza ma anche della promozione delle autonomie personali, sociali e abitative attraverso diversi metodi e progetti innovativi. In particolare abbiamo attivato tre progetti differenziati grazie al sostegno delle famiglie interessate: “Adesso… atletici”, che prevede il potenziamento delle abilità motorie e della socialità e all’interno del quale sono stati organizzati diversi eventi sportivi, come il campionato di Dodgeball adattato e Giocando senza frontiere; “Altamente… specializzati”, che consiste in percorsi di formazione specifica (atelier d’arte, musica, corsi di informatica, ecc.) per il potenziamento di abilità didattiche, espressive o creative; infine, “Da soli… ma insieme”, all’interno del quale proponiamo momenti di socializzazione e esperienze in autonomia da vivere fuori dal contesto familiare, attraverso uscite in piccoli gruppi, anche serali, e gite fuori porta".

Tra i progetti in cantiere, la cooperativa ha già in programma l’acquisto di un nuovo immobile in centro a Ravenna, in modo da poter concentrare al suo interno diverse strutture e attività di assistenza al momento sparsi sul territorio. "Oltre a questo progetto di ‘espansione’, il 2019 ci vedrà impegnati nella messa in opera di due brevetti dei quali siamo titolari e che riguardano due macchinari per la lotta alla zanzara tigre, un’attività che ci vede impegnati con i nostri ragazzi nei progetti di inserimento lavorativo", conclude il presidente.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La macabra sfida del 'Samara Challenge' arriva in Romagna: "Gioco pericoloso"

  • Vanno dal meccanico dopo l'incidente e ne fanno un altro: curiosa "scia" di sinistri

  • Soci, clienti e lavoratori: apre a Ravenna il primo supermercato autogestito della Romagna

  • La crema antirughe dell'azienda di Cotignola vince il premio 'Bio Awards'

  • Elisa, Alessandra Amoroso, Guccini e Tiromancino: ospiti di lusso per "Imaginaction"

  • Agricoltori in ginocchio: "Crisi senza precedenti, le aziende gettano la spugna"

Torna su
RavennaToday è in caricamento