I tumori colpiscono anche i bambini, in Romagna 40 casi all'anno: come vengono curati

"Da quando si è costituita l’azienda unica del territorio (Ausl Romagna) nel 2014 abbiamo avuto in cura 56 bambini da Rimini, 46 da Forlì Cesena, 32 da Ravenna"

Ogni anno in Italia sono 2.200 i nuovi casi di tumore infantile, 1400 in età pediatrica e 800 tra gli adolescenti. La percentuale di guarigione si attesta all’80%, come evidenziato dalla dottoressa Roberta Pericoli, responsabile del Reparto di Oncoematologia pediatrica dell'ospedale Infermi. A Rimini il reparto, riconosciuto come un’eccellenza a livello nazionale, è attivo dal 1999, e ha preso in cura oltre 400 pazienti. Inoltre, da poco tempo è stato attivata all’Irst di Meldola la radioterapia pediatrica, che prima non era possibile fare nell’azienda sanitaria della Romagna.

"Ogni anno in media abbiamo 40 nuovi casi (42 nel 2018) che arrivano a Rimini da tutta la Romagna, dalle Marche anche alcuni stranieri - spiega la dottoressa Pericoli - tra ricoveri e day hospital, attualmente ci sono circa una settantina di pazienti. E' importante un approccio di cura integrato perché i percorsi di cura sono lunghi, arrivano anche fino a due anni. Siamo anche vicini alle famiglie con un accompagnamento psicologico, ma anche supportando per l'alloggio".

I dati

"Da quando si è costituita l’azienda unica del territorio (Ausl Romagna) nel 2014 abbiamo avuto in cura 56 bambini da Rimini, 46 da Forlì Cesena, 32 da Ravenna. In questo reparto abbiamo in cura bambini e adolescenti dalla nascita ai 18 anni di età". Ci sono infatti tumori che si presentano fin dai primi giorni di vita e altri che si manifestano nella fascia tra i 14 e i 18 anni, ma sono pediatrici e vanno quindi affrontati con cure tipiche dell’oncologia pediatrica".

I tumori più frequenti che vengono curati all'Infermi sono leucemie e linfomi, che "rappresentano i più frequenti in età infantile assieme ai tumori cerebrali che però vengono solo diagnosticati qui, per poi essere trattati all’Ospedale Bellaria di Bologna dove opera il reparto dei neurochirurgia pediatrica". Nei neonati i tipi di tumori secondo la casistica sono congeniti, come i neuroblastomi e i tumori renali. "Poi tra un anno e i dieci anni riscontriamo una predominanza di leucemie, linfomi e tumori del sistema nervoso centrale, tra i 10 e i 18 anni ancora i linfomi e poi i tumori solidi come i sarcomi". Per il tumore in età infantile non si può parlare di prevenzione, ma ladottoressa Pericoli sottolinea l'importanza di condurre una vita sana: "Serve spingere sullo stile di vita con una corretta alimentazione e con precauzioni nell'esposizione al sole perché poi crescendo si presentano i melanomi che sono aumentati nell'adolescenza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciagura stradale nella domenica dell'Immacolata: l'auto si schianta fuori strada, muore a 22 anni

  • Dramma sulla Ravegnana: schianto fatale, muore una giovane madre

  • Sangue sulle strade, tremendo incidente sulla Ravegnana: muore una persona

  • Vita spezzata sulla Ravegnana, Elisa era in procinto di sposarsi: "Un angelo volato troppo presto"

  • Apre in centro un bar per giovani gestito da giovani: "E se prendi 30 e lode la colazione te la offriamo noi"

  • "L'Ue vieta l'unico prodotto efficace contro la cimice asiatica. Sarà un disastro"

Torna su
RavennaToday è in caricamento