I volontari creano un 'frutteto sociale' nel cuore della città

Si è conclusa domenica l’iniziativa di piantumazione comunitaria di alberi da frutto dietro le case popolari di via Patuelli, che ha visto partecipare una cinquantina di persone di ogni genere ed età

Si è conclusa domenica l’iniziativa di piantumazione comunitaria di alberi da frutto dietro le case popolari di via Patuelli, che ha visto partecipare una cinquantina di persone di ogni genere ed età. Sono 150 le piante che complessivamente sono state messe a dimora nel fine settimana del 6 e 7 aprile. L’idea è nata spontaneamente da tre giovani studentesse e resa possibile dalla donazione delle piante, esuberi della produzione, da parte di Geoplant vivai, dal coordinamento di Ortisti di Strada – Resilienza Silenziosa e dall’ospitalità e collaborazione del Csa Spartaco.

“Un’iniziativa dal grande valore sociale e di azione concreta nel contrasto ai cambiamenti climatici. L’idea di un frutteto in città è poi un valido pretesto per creare comunità e migliorare la qualità della vita. Il tutto seguendo i principi della permacultura e dell’agroecologia - commentano le promotrici - La necessità ora è quella di garantire la sopravvivenza del frutteto per il periodo estivo, permettendo alle piante il superamento del primo anno di vita in pieno campo per poi divenire autonome successivamente". Ecco allora l’appello agli abitanti del quartiere Anic nella collaborazione alla manutenzione e cura dello spazio. Il prossimo appuntamento per dar l’acqua alle piante è per sabato 13 aprile alle ore 17 al Csa Spartaco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trema la terra poco dopo le 18, scossa di terremoto nel ravennate

  • Terremoto nella notte, una nuova scossa fa tremare la terra

  • Travolto da un'auto mentre va a scuola in bici: 13enne in ospedale

  • Una giovane vita spezzata troppo presto: tanta commozione ai funerali di Lorenzo Forte

  • Torna il corso per diventare balia di gattini

  • Trova un portafogli pieno di soldi e lo restituisce all'anziano: "La mia religione mi impone di essere onesto"

Torna su
RavennaToday è in caricamento