In comunità dopo il furto: per lui si aprono le porte del carcere

Da qualche tempo l'uomo si trovava ristretto agli arresti domiciliari nella comunità terapeutica Nuovo Villaggio del Fanciullo, dove stava scontando una pena residua per furto aggravato

La Polizia di Stato ha arrestato un 56enne campano domiciliato a Ravenna per reati inerenti gli stupefacenti e il patrimonio. Da qualche tempo l'uomo si trovava ristretto agli arresti domiciliari nella comunità terapeutica Nuovo Villaggio del Fanciullo, dove stava scontando una pena residua per furto aggravato.

Mercoledì gli uomini della Squadra Mobile della Questura di Ravenna hanno dato esecuzione a un provvedimento emesso dall’ufficio Esecuzione Penali del Tribunale di Napoli, che ha disposto la revoca del beneficio degli arresti domiciliari con accompagnamento al carcere più vicino. Il 56enne nella tarda mattinata di mercoledì, dopo le formalità di legge, è stato condotto dagli investigatori della Squadra Mobile al carcere di Port’Aurea, dove resterà per i prossimi otto mesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento schianto frontale, grave una donna incinta: trasportata al "Bufalini" in condizioni critiche

  • Trema la terra poco dopo le 18, scossa di terremoto nel ravennate

  • Travolto da un'auto mentre va a scuola in bici: 13enne in ospedale

  • Una giovane vita spezzata troppo presto: tanta commozione ai funerali di Lorenzo Forte

  • Via vai sospetto dal gommista: "pneumatici" stupefacenti, la droga era destinata a Forlì

  • Violento scontro nel pomeriggio tra due auto: diversi feriti, ma per fortuna non sono gravi

Torna su
RavennaToday è in caricamento