In ospedale arriva la 'Zeroscopia', la tecnologia che annulla le radiazioni

L’uso della Zeroscopia porta a una riduzione fino al 100% delle radiazioni ionizzanti generate per singola procedura

Il 33% degli interventi per la cura delle aritmie cardiache, ovvero i difetti elettrici nel sistema di conduzione del cuore, avviene tramite ablazione (dato raccolto nelle strutture italiane di GVM Care & Research). Sebbene le tecniche utilizzate per correggere questi difetti siano all’avanguardia, le radiazioni ionizzanti, cioè elettromagnetiche come quelle dei raggi X, emesse dalle apparecchiature utilizzate per la fluoroscopia (tecnica radiologica per ottenere immagini anatomiche in tempo reale) hanno effetti collaterali anche gravi.

Per ridurre l’impatto che queste radiazioni hanno sia sul paziente che sull’operatore, l’Unità Operativa di Aritmologia ed Elettrofisiologia a Maria Cecilia Hospital di Cotignola (RA), Ospedale di Alta Specialità di GVM Care & Research accreditato con il Servizio Sanitario Nazionale, si è dotata della Zeroscopia o ablazione a “raggi zero”, sistema di mappaggio non fluoroscopico del cuore che elimina dunque le radiazioni ionizzanti.

“La Zeroscopia è una tecnologia all’avanguardia – spiega il dottor Saverio Iacopino, Direttore del Dipartimento di Aritmologia a Maria Cecilia Hospital – che permette di effettuare un sistema di mappaggio tridimensionale del cuore, grazie all’utilizzo di speciali cateteri dotati di un sensore in grado di generare campi magnetici di bassa intensità e che non emettono radiazioni. Il movimento dei cateteri dedicati, una volta inseriti, permette di stabilire in che modo si genera e si propaga l’impulso elettrico nel cuore, valutandone quindi la natura e consentendo all'equipe medica di definire un piano d’azione per ripristinare il corretto impulso":

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’uso della Zeroscopia porta a una riduzione fino al 100% delle radiazioni ionizzanti generate per singola procedura e, allo stesso tempo, consente al medico di prendere le migliori decisioni in ogni momento, fornendo gli elementi per comprendere e trattare in maniera precisa e sicura i segnali patologici che provengono dal cuore. Inoltre, permette di ottenere eccellenti risultati in termini di efficienza ed efficacia nel trattamento e nella cura di tutte le aritmie cardiache sia atriali che ventricolari di tutti i pazienti, compresi quelli pediatrici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con la moto: il guard rail gli amputa entrambe le gambe

  • I vantaggi del fitwalking, un ottimo modo per dimagrire e rimettersi in forma

  • Coronavirus, i divieti che restano in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Investita alla rotonda mentre va in bici: donna in gravi condizioni

  • Aggredite a morsi dal cane nel cortile di casa: bambine in ospedale

  • Coronavirus, un nuovo caso e un decesso: i test sierologici scoprono gli asintomatici

Torna su
RavennaToday è in caricamento