Ubriaco prende la moto del fratello e rischia la vita in un incidente

Sotto l'effetto di alcolici prende il motorino del fratello e incappa in un incidente stradale, rischiando la vita. E' quanto accaduto nei giorni scorsi ad un 27enne marocchino, residente a Lugo

Foto di repertorio

Sotto l'effetto di alcolici prende il motorino del fratello e incappa in un incidente stradale, rischiando la vita. E' quanto accaduto nei giorni scorsi ad un 27enne marocchino, residente a Lugo. Teatro del sinistro il chilometro 135+900 della Statale 16 Adriatica, all'altezza della rotatoria all'ingresso di Alfonsine. Nel perdere il controllo del mezzo, il giovane ha battuto con la testa sull'asfalto, perdendo conoscenza. Soccorso dal "118", è stato trasportato all'ospedale.

Giunto al pronto soccorso del "Santa Maria delle Croci", il giovane - in evidente stato confusionale - dopo aver ripreso conoscenza si è rifiutato di sottoporsi ai controlli necessari per verificare se si trovasse sotto l'effetto di alcol e droghe. Dagli accertamenti sull'identità è emerso che il 27enne aveva il permesso di soggiorno scaduto e che non aveva la patente di guida idonea per il ciclomotore.

Il mezzo inoltre è risultato senza revisione da circa 10 anni. Venerdì il 27enne si è stabilito. La PolStrada, che ha proceduto ai rilievi di legge, ha notificato le irregolarità al codice della strada, provvedendo al sequestro del ciclomotore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Natale arriva in anticipo: acquista un gratta e vinci e incassa una vincita milionaria

  • E' scomparsa Lola, la 'cockerina motociclista' che viaggiava per beneficenza

  • Dopo 21 anni il titolare della storica pizzeria è sconsolato: "Ravenna sta morendo"

  • Via Diaz sempre più deserta, chiude un altro negozio: "Per i ravennati lo shopping è solo in via Cavour"

  • Spaccata all'Unieuro: suv ariete per abbattere la saracinesca, razzia di pc e smartphone

  • Bancomat, Pos e carte di credito in tilt: caos per prelievi e pagamenti in tutta Italia

Torna su
RavennaToday è in caricamento