Infermieri e Oss protestano fuori dagli ospedali: "Stop ai tagli alla sanità pubblica"

Il senatore Vasco Errani: "Il problema fondamentale è un finanziamento non adeguato del sistema sanitario nazionale e il progressivo definanziamento che ha subito negli anni"

"Vicinanza e sostegno alla mobilitazione di infermieri e Oss negli ospedali ravennati". Dichiara così in una nota il senatore di Articolo Uno Vasco Errani in vista delle mobilitazioni di infermieri e Oss in programma nei prossimi giorni negli ospedali della provincia.

"Il problema fondamentale - prosegue Errani - è un finanziamento non adeguato del sistema sanitario nazionale e il progressivo definanziamento che ha subito negli anni: su questo bisogna invertire la tendenza. Le politiche economiche messe in atto dall'attuale governo non vanno in questa direzione e mettono a rischio l’universalismo di accesso e il diritto alla cura per tutti i cittadini. L'aspetto più critico riguarda il personale sanitario acuito dagli effetti di quota 100. Rispetto a questo ho proposto a più riprese al governo di mettere fine al tetto di spesa oramai anacronistico e di procedere con lo sblocco delle assunzioni. In questi giorni ho presentato in Senato un emendamento che va proprio in quella direzione all'interno del decreto Calabria. Il governo intervenga prima che sia davvero troppo tardi e metta fine ai tagli alla sanità pubblica".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, gli ultimi aggiornamenti: nessun caso in Romagna, 17 in Emilia

  • Tutta la comunità di Classe in lutto: dopo una lunga malattia è morto Andrea Panzavolta

  • Cause, sintomi e rimedi per l'anoressia sessuale

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni sospesi fino al 1° marzo in Emilia-Romagna

  • Scossa di terremoto nel pomeriggio di domenica, il sisma avvertito distintamente nel ravennate

  • Coronavirus, gli ultimi aggiornamenti: nel riminese il primo caso in Romagna

Torna su
RavennaToday è in caricamento