L'opposizione porta in Commissione la siccità della Pialassa Piomboni

In sostanza, il referto base riprenderà l’ultima discussione del progetto in consiglio comunale avvenuta nel 2013, in occasione dell’imminente avvio dei lavori

I consiglieri comunali Alvaro Ancisi (Lista per Ravenna), Rosanna Biondi (Lega Nord) e Alberto Ancarani (Forza Italia) giovedì hanno presentato richiesta di convocazione della commissione consiliare Ambiente per discutere lo “Stato di attuazione del progetto di restringimento della pialassa Piomboni in relazione al dissesto naturale ambientale che ha prodotto”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In sostanza, il referto base riprenderà l’ultima discussione del progetto in consiglio comunale avvenuta nel 2013, in occasione dell’imminente avvio dei lavori. "Pur partendo dalle posizioni negative più volte espresse su di esso, fin dalla sua origine, dai tre gruppi proponenti, unici dell’opposizione rappresentati nei precedenti mandati elettorali, si intendono approfondire le cause e le responsabilità dei fatti che, in corso di appalto, andando oltre o al di fuori degli obiettivi, delle condizioni e degli interventi dettati dal progetto, hanno ridotto la pialassa a uno stato di degrado e di riduzione degli spazi e dei livelli acquei, che ne fa prevedere velleitaria ogni benché minima ipotesi di rinaturalizzazione - spiegano i consiglieri - I gruppi proponenti, già da tempo attivi nell’esame e nell’approfondimento della problematica, avranno modo di dimostrare ciò e di entrare nei dettagli. Basti fin d’ora considerare che, a fronte della dichiarazione emessa dall’ente portuale titolare e finanziatore del progetto, rispetto al progressivo esorbitante insabbiamento dell’ambito lagunare secondo la quale “l’acqua giungerà comunque a livelli di profondità variabile tra i 20 e i 30 centimetri”, il dislivello tra l’alta e la bassa marea, di molto superiore, ridurrebbe quel che resta della pialassa a una specie di sporca battigia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si lancia da un'auto in corsa sull'Adriatica: gravissima una donna

  • Michelle Hunziker si rilassa in Romagna nelle acque dell'Adriatico: "Sembra tornato quello di 30 anni fa"

  • Il bagno con gli amici si trasforma in tragedia: perde la vita un 28enne

  • A Marina Romea con l'auto sulla spiaggia: scende, raggiunge gli scogli e cade

  • MotoGp, lutto per il team manager Ducati Davide Tardozzi: si è spenta la moglie Sandra

  • I suoi figli salvano una bimba dall'annegamento: "Mio padre morì in mare, sembra un segno del destino"

Torna su
RavennaToday è in caricamento