La banca dona nuovi strumenti all'Ospedale e alla Casa della salute

Le attrezzature contribuiranno al miglioramento della gestione dei pazienti quotidianamente assistiti, facilitando i trasferimenti e migliorando le autonomie dei pazienti con gravi disabilità

La Banca di Credito Cooperativo Ravennate, Forlivese e Imolese ha effettuato una donazione all’Unità Operativa di “Medicina riabilitativa” di Ravenna, finalizzata all’acquisto di due sollevatori per pazienti “Rifton Tram Low” che sono stati collocati uno all’ospedale “Santa Maria delle Croci” di Ravenna, fruibile da tutti i pazienti con grave disabilità ricoverati nei reparti per acuti (ad esempio Neurologia e Medicina) e l’altro presso la Casa della Salute di Russi, dove è già attivo un servizio di valutazione e prescrizione ausili in collaborazione coi medici di famiglia.

Questa attrezzatura è uno strumento indispensabile per il trasferimento di pazienti con gravi disabilità e diversa corporatura, e permette di sollevarli da seduti in posizione eretta ed effettuare la deambulazione assistita. Ha un telaio compatto e ultraleggero, è semplice da maneggiare anche in spazi stretti e riduce significativamente le tensioni e le sollecitazioni alla schiena degli operatori, garantendo un ambiente di lavoro più sicuro ed efficiente. La Bcc ha inoltre donato un apparecchio per elettroterapia a quattro canali con relativa tavola (denominato “Compex Phisio”), pensato per trattare muscoli denervati e patologie complesse dell'arto superiore e inferiore. Può essere utilizzato per stimolare la muscolatura dopo somministrazione di tossina botulinica nei pazienti neurologici, ma è adatto anche nel post- operatorio di patologie ortopediche complesse.

Alla cerimonia di donazione che si è svolta martedì pomeriggio erano presenti Paolo Tarlazzi (direttore del Presidio Ospedaliero di Ravenna), Cinzia Lotta (direttore della “Medicina riabilitativa” di Ravenna), Giuseppe Benini (presidente del Comitato Locale de “La Bcc”), Giorgio Bonavia (capoarea della banca) e Piero Roncuzzi (membro del Comitato Locale della banca). La dottoressa Lotta ha espresso il proprio sentito ringraziamento verso la banca, rilevando che tali attrezzature contribuiranno al miglioramento della gestione dei pazienti quotidianamente assistiti presso la Medicina riabilitativa nella sede di Ravenna e nella Casa della Salute di Russi, facilitando i trasferimenti e migliorando le autonomie dei pazienti con gravi disabilità, che è il principio base della riabilitazione.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Precipita per oltre cento metri dal sentiero di guerra del Pasubio: muore medico in pensione

  • Spaventoso incidente stradale, coinvolte quattro auto: una donna in condizioni gravissime

  • Rubava nel supermercato dove lavora: dipendente infedele nella rete dei Carabinieri

  • Ennesimo scontro tra auto al solito incrocio di Fiumazzo. Anziano trasportato con l'elimedica al Bufalini

  • Il figlio è ubriaco e dà in escadescenza, la mamma chiama la Polizia: era ricercato per una condanna per tentato omicidio

  • Schianto in A14 tra una moto e un'auto: in gravi condizioni un ravennate

Torna su
RavennaToday è in caricamento