La musica come divertimento, ma anche come attività didattica

La musica come divertimento, ma anche come attività didattica, come terapia, come momento di condivisione fra bambini piccoli e genitori. La musica è la grande protagonista di un nuovo stimolante progetto

La musica come divertimento, ma anche come attività didattica, come terapia, come momento di condivisione fra bambini piccoli e genitori. La musica è la grande protagonista di un nuovo stimolante progetto, che verrà presentato ufficialmente sabato al nido “Cavina” di via Spello 2: si chiama “Dindalora”, è stato realizzato dal Comune e dall’Unione dei Comuni della Bassa Romagna, ideato e curato da “Immaginante. Laboratorio Museo Itinerante” e da L’Ottava nota, associazione culturale alfonsinese, con la collaborazione di Avis, Ama, Spi CGIL, Presepe Meccanico, Cif, Udi e Pro Loco Alfonsine.

L'inaugurazione è prevista alle 10.30. Saranno presenti l'assessore all'Istruzione del Comune, Michele Babini; Stefania Guerra, dell'Associazione "L'ottava nota" e l'educatrice musicale Arianna Sedioli. Dindalora è un nuovo percorso didattico pensato per i più piccoli, per le mamme in attesa e per chi sente il bisogno di affrontare percorsi musicoterapici. Uno spazio nuovo, attrezzato per poter fare l’esperienza della musica in maniera giocosa ma intensa, dove i migliori professionisti del settore condurranno laboratori e proporranno modi creativi di avvicinamento ai suoni e agli strumenti, anche attraverso proposte di musica dal vivo e di arte sonora.
 
Le proposte
I percorsi di musicoterapia si rivolgono a bambini dai 3 ai 10 anni, a giovani adulti e a tutti coloro che desiderano trovare uno spazio di esplorazione, espressione e comunicazione degli aspetti emotivi atraverso la musica e la voce. Si svolgeranno, a partire da aprile, incontri a cadenza settimanale, individuduali o di gruppo a seconda dei esigenze specifiche. Gli incontri saranno tenuti da Mara Luzietti, musicoterapista e insegnante in avviamento musicale, specializzatasi in musicoterapia presso Music Space Italy a Bologna.

Happy Ears è il titolo dei laboratori per bambini da 0 a 36 mesi, in cui bambini e genitori giocano insieme utilizzando sonorità e musiche per esprimersi e per conoscersi reciprocamente, con proposte che stimolano immaginazione, creatività e sensibilità all’ascolto. Fra marzo e maggio sono in programma due laboratori, ognuno dei quali composto di quattro incontri da 30 minuti l’uno: ogni incontro sarà pensato per piccoli gruppi di bambini e genitori, adattando gli orari alle esigenze dei partecipanti. Il primo laboratorio, fra il 20 marzo e il 10 aprile, si intitola “Cestino dei tesori sonori: facciamo musica con oggetti e piccoli strumenti”; il secondo, fra l’8 e il 29 maggio, si intitola “Coccole e carezze vocali: filastrocche e canzoncine per stare insieme”

Sensibilità sonore è un percorso per mamme in attesa, che si articola in quattro incontri, al mercoledì pomeriggio, dedicati alla conoscenza del mondo sonoro intrauterino e a proposte di gioco musicale per i piccolissimi: partendo dal presupposto che i bambini nel grembo materno hanno un particolare contatto con l’ambiente uditivo, visto che ogni sonorità viene filtrata dal liquido amniotico e che ogni vibrazione provoca un avvolgente massaggio. Ognuno degli incontri avrà un tema particolare: la musica come nutrimento per la crescita, la realizzazione di sonagli e piccoli giocattoli sonori, la creazione di ninnananne e di un ambiente morbido per le coccole sonore e le musiche eseguite dal vivo come abbraccio sonoro per curare la mamma e il suo bimbo.

I laboratori Happy Ears e Sensibilità Sonore saranno tenuti da Arianna Sedioli, esperta di educazione al suono e alla musica, autrice di mostre ed arredi sensoriali per musei, biblioteche e servizi educativi e creatrice di pubblicazioni legate al tema della musica per la prima infanzia. Soddisfattissimo del progetto l’assessore all’Istruzione del Comune di Alfonsine, Michele Babini. “Progettare questo spazio è stata una sfida vinta dalla nostra comunità – sottolinea Babini -. Siamo riusciti a trovare esperti disponibili e competenti ed ad attivare la grande rete delle associazioni alfonsinesi per sostenere il progetto, che va nella direzione di offrire ai nostri piccolissimi cittadini e alle loro famiglie un'altra opportunità di crescita e di sviluppo".

Chiosa l'assessore: "Nella società dell’informatica e della rete, le relazioni umane e lo stare insieme per fare esperienze reali è sempre più importante, per non perdere il valore della conoscenza diretta e della crescita emozionale e creativa. Questo nuovo spazio, attraverso la musica, si propone di svolgere una funzione pedagogica e culturale affiancandosi alla ricca rete dei servizi per la prima infanzia e per le famiglie operanti nei Comuni della Bassa Romagna”. Per partecipare a Dindalora, contattare l’associazione L’ottava nota, in corso Garibaldi 56 ad Alfonsine. Orari segreteria, martedì e venerdì dalle 16 alle 19. Telefono 347 1455065, indirizzo mail associazione8nota@gmail.com

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Natale arriva in anticipo: acquista un gratta e vinci e incassa una vincita milionaria

  • E' scomparsa Lola, la 'cockerina motociclista' che viaggiava per beneficenza

  • Dopo 21 anni il titolare della storica pizzeria è sconsolato: "Ravenna sta morendo"

  • Via Diaz sempre più deserta, chiude un altro negozio: "Per i ravennati lo shopping è solo in via Cavour"

  • Spaccata all'Unieuro: suv ariete per abbattere la saracinesca, razzia di pc e smartphone

  • Bancomat, Pos e carte di credito in tilt: caos per prelievi e pagamenti in tutta Italia

Torna su
RavennaToday è in caricamento