La petizione dei cittadini sul deposito di gas al porto arriva in Commissione

La petizione è stata promossa dal comitato Gnl - Garanzie Non Liquefatte e sottoscritta in un mese da circa 500 cittadini

I cittadini che hanno dato vita al gruppo "Gnl ma sicuro", nato per cercare di reperire più informazioni possibili sul futuro deposito di gas naturale liquido (gnl) che verrà realizzato al porto, giovedì 11 alle 15 saranno presenti in Municipio per la commissione “Lavori pubblici, attività produttive e porto”, dove sarà discussa la petizione avente per tema la “Realizzazione di un deposito costiero di Gnl proposto dalla società Pir”. La petizione è stata promossa dal comitato Gnl - Garanzie Non Liquefatte e sottoscritta in un mese da circa 500 cittadini. "L’impianto posto a ridosso degli abitati di Marina di Ravenna e Porto Corsini e il transito delle navi gasiere e dei camion destinati al trasporto del prodotto che circoleranno sulle nostre strade preoccupano non poco - spiegano dal gruppo - ma le risposte ricevute dai proponenti, dall’amministrazione e da chi lo sta autorizzando non hanno chiarito i moltissimi dubbi. La petizione richiede che il progetto venga discusso coi cittadini in una “inchiesta pubblica”, come previsto dalle normative. Invitiamo tutti a essere presenti, perché gli impatti di questo nuovo impianto a rischio di incidente rilevante non saranno solo sui vicinissimi centri abitati, ma su tutto il territorio, visto che 17mila camion per il trasporto del Gnl sono previsti ogni anno sulle nostre strade".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La macabra sfida del 'Samara Challenge' arriva in Romagna: "Gioco pericoloso"

  • Vanno dal meccanico dopo l'incidente e ne fanno un altro: curiosa "scia" di sinistri

  • Soci, clienti e lavoratori: apre a Ravenna il primo supermercato autogestito della Romagna

  • La crema antirughe dell'azienda di Cotignola vince il premio 'Bio Awards'

  • Elisa, Alessandra Amoroso, Guccini e Tiromancino: ospiti di lusso per "Imaginaction"

  • Agricoltori in ginocchio: "Crisi senza precedenti, le aziende gettano la spugna"

Torna su
RavennaToday è in caricamento