La stagione parte alla grande a Casal Borsetti, la Pro Loco rassicura: "L'area camper non è a rischio"

I consiglieri, dopo una Pasqua in cui nell'area si sono riversati circa mille camperisti, rassicurano su un punto cruciale: "L'area camper, per questa stagione, non è a rischio"

Correva l’anno 1998: dall’amore per il suo paese del compianto Giorgio Mariani (scomparso solo pochi mesi fa), cofondatore e a lungo presidente della Pro Loco, in un area verde a ridosso del paese e della spiaggia nasceva l’area camper 'Mare e Parco' di Casal Borsetti, un’iniziativa che si è rilevata nel corso degli anni di importanza strategica per la località, la sua economia e la sua conoscenza, con riflessi positivi per l’intera riviera ravennate.

"Anche se i 'sacri testi' non considerano i camperisti come "turisti" nel senso "canonico" del termine, questo fenomeno noi lo abbiamo scoperto da vent'anni e dall'inizio del nuovo millennio abbiamo cercato, con i limiti che possiamo avere, di gestire questo fenomeno in netta espansione, sul quale era ovviamente necessario porre opportuna attenzione - spiegano i consiglieri della pro loco di Casal Borsetti - L’area camper, gestita da sempre grazie all’operosa disponibilità dei nostri volontari, ha resistito per vent’anni fino a oggi, portando, anno dopo anno, decine di migliaia di turisti in paese (e di riflesso nella città di Ravenna), alimentando l’economia del territorio e diffondendo il nome e le ricchezze naturali di Casal Borsetti in tutta l’Italia, in Europa e forse per il mondo intero. Negli 'anni d'oro' dal 2005 al 2011, quest'area era considerata dalle riviste specializzate una delle migliori d'Italia. Il margine economico consentito dal buon flusso di turisti ha consentito negli anni alla Pro Loco di poter proporre a residenti e turisti un'articolata offerta di attrazioni estive (dalla tradizionale festa di San Lorenzo ai numerosi eventi serali), oltre ad altri piccoli ma significativi investimenti sul territorio nonchè sul mantenimento e miglioramento dei servizi offerti nell'area camper stessa".

Purtroppo, però, con il tempo si sono ridotte le entrate e sono lievitati i costi di affitto dell’area: "Area nella quale, oltretutto, non è stato possibile fare gli investimenti strategici normalmente consentiti dai precedenti contratti di affitto, di durata pluriennale certa e definita - proseguono i consiglieri - Ogni anno, invece, l’attuale proprietà rimette in discussione il contratto di affitto nel dubbio di poter disporre dell’area per le potenzialità edificatorie nella stessa previste, e questo è alla base dell’incertezza sul futuro di questa. Siamo perciò giunti a un punto in cui le entrate e le uscite di bilancio dell’area camper sono ormai vicinissime alla soglia di equilibrio: gli introiti derivanti da questa attività non producono più, infatti, alcun margine per la Pro Loco, il cui bilancio è già appesantito dalla progressiva riduzione dei contributi pubblici erogati per la gestione del servizio di informazione turistica. Il consiglio in carica ha fatto, sta facendo e farà il possibile per garantire al paese la continuità sia del servizio Iat (informazione e assistenza turistica) che del mantenimento dell’area camper, un'attività che, pur di garantire la presenza di turisti in paese, potrebbe anche presentare un bilancio in pareggio ma che, per ovvi motivi, non potrà reggere un bilancio in rosso".

I consiglieri però, dopo una Pasqua in cui nell'area si sono riversati tantissimi camperisti, rassicurano su un punto cruciale: "L'area camper, per questa stagione, non è a rischio: malgrado l'impossibilità di programmare investimenti a medio e lungo termine, ha aperto regolarmente accogliendo centinaia di camper nel ponte pasquale, che è risultato migliore di quello del 2017 (con Pasqua al 16 aprile) e per l’estate 2018 svolgerà il suo consueto compito di accoglienza e diffusione del “prodotto Casal Borsetti”, anche se il paese e i suoi turisti saranno chiamati a qualche sacrificio. Non sarà infatti possibile mettere in campo le risorse degli anni passati e, durante l’estate, il calendario degli eventi e delle feste sarà gioco-forza ridotto (anche per i noti problemi di safety e security per l’antiterrorismo), ma abbiamo intenzione di coinvolgere tutte le attività in maniera da proporre comunque a turisti e villeggianti una serie di momenti di socializzazione a partire dall’irrinunciabile 'Fera di San Lorenzo' del 10 agosto. La Pro Loco svolge quotidianamente, con i propri limiti ma con costanza e passione, il suo ruolo di valorizzazione e sviluppo del territorio e il suo consiglio, malgrado ci si avvii rapidamente verso il rinnovo delle cariche, non ha alcuna intenzione di abbassare la guardia. Ma oggi serve il coinvolgimento di tutti, a partire dalle istituzioni per arrivare ai commercianti, agli imprenditori locali, alle diverse realtà associative e ai singoli cittadini per superare qualsiasi divisione e fare in modo che nel futuro di Casal Borsetti continui a esserci un'Area Camper e, anzi, se possibile, magari grazie ad essa, anche qualcosa di più".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in azienda: precipita dal tetto e muore dopo un volo di otto metri

  • Si allena con la bici per l'Ironman, ma in autostrada: caos sull'A14

  • Camion resta bloccato sul ponte: "Pericolosissimo, si aspetta che crolli?"

  • Scoppia un incendio nell'azienda di pallet: alta colonna di fumo nero in cielo

  • Escort e over 45, trasgressione senza età: il lato piccante di Ravenna

  • Sbanda con l'auto e finisce contro la colonnina del metano: Vigili del fuoco al lavoro

Torna su
RavennaToday è in caricamento