Nasce un grandioso labirinto in mosaico ispirato a Dante e San Vitale

Trae ispirazione dei gironi infernali della Divina Commedia e lo si può considerare "il più grande al mondo" per il numero di artisti coinvolti

Una concentrazione di artisti senza precedenti per creare un dialogo magico fra labirinto sospeso e mosaico, tra natura e opera umana. Sono 169 gli artisti coinvolti nello sviluppo modulo triangolare in mosaico dell'associazione Dis-Ordine, fra loro ci sono allievi delle scuole di mosaico, cittadini ravennati, detenuti e anche una signora dall'Uzbekistan. A loro vanno aggiunti l’artista Luigi Berardi e tutta l'Azienda Galassi di Alfonsine: il risultato è un labirinto in mosaico che richiama Dante e San Vitale.

Si tratta dell'ultima tappa itinerante per la preziosa collezione del Dis-Ordine a Port'Aurea. Si conclude proprio dove è cominciato l’incredibile viaggio del labirinto in mosaico: all’Azienda Galassi di Alfonsine. Proprio qui, nel 2017, i maestri del Dis-Ordine hanno realizzato il primo modulo triangolare dell’ormai noto percorso pavimentale in mosaico ispirato al labirinto della Basilica di San Vitale e agli elementi della natura nell’opera di Dante. 

E così quest’anno gli ex-allievi delle Scuole d’Arte di Ravenna possono far dialogare la grandiosa opera collettiva del labirinto di Port’Aurea, realizzata da 169 artisti e mosaicisti, con un nuovo progetto dell’Azienda Galassi: il primo labirinto effimero sospeso del mondo. Un percorso dalle pareti dinamiche realizzate esclusivamente con materiale di recupero e biodegradabile a fianco del più classico labirinto effimero in mais. 

Ancora un gemellaggio, quindi, per la prima opera musiva pensata in funzione di uno spazio che viaggia prima di essere collocata definitivamente nel luogo per cui è stata progettata, sotto l’egida di un simbolo dagli incanti orientaleggianti che in questa combinazione tra terra e aria si avvicina a forme di arte contemporanea come la Land Art e le suggestioni di un tema, Dante. Il labirinto sospeso, progettato per resistere all’aria aperta almeno 1000 giorni in modo da scandire un tempo dell’avvento fino al 2021, ondeggia sulla composizione in mosaico inducendo una sorta di ebrezza in chi si avventura lungo il percorso.

Il labirinto in mosaico apre ufficialmente domenica 7 aprile all'Azienda Galassi di Alfonsine e rimane esposto fino al 7 giugno. L'ingresso costa 5 euro (orario: 10-21).

Il Giardino del Labirinto rientrerà a Ravenna a metà giugno circa per l’installazione definitiva, di fronte alla Casa Circondariale in via Port’Aurea, 56, in occasione della Biennale del Mosaico 2019.  

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Soci, clienti e lavoratori: apre a Ravenna il primo supermercato autogestito della Romagna

  • La crema antirughe dell'azienda di Cotignola vince il premio 'Bio Awards'

  • Elisa, Alessandra Amoroso, Guccini e Tiromancino: ospiti di lusso per "Imaginaction"

  • Picco di enterococchi in mare: scatta il divieto di balneazione

  • Finge un problema all'auto e blocca le due presunte ladre d'appartamento

  • Tenta di colpire un motociclista ma il poliziotto si lancia nella sua auto dal finestrino: in manette

Torna su
RavennaToday è in caricamento