Largo Firenze nel degrado: "Riqualificarlo in vista di Dante 2021"

Il piazzale urbano che ha l’accesso carrabile da via Guaccimanni non è stato intitolato Largo Firenze per caso, ma per onorare la “Città d’Arte e di Cultura” gemellata con Ravenna nel nome di Dante

Il piazzale urbano che ha l’accesso carrabile da via Guaccimanni non è stato intitolato Largo Firenze per caso, ma per onorare la “Città d’Arte e di Cultura” (così definita nell’Odonomastica comunale) gemellata con Ravenna nel nome di Dante, avendogli dato i natali nel mentre la nostra gli è stata ospitale sul finire della vita. Il luogo è strategico, situato com’è a lato della zona dantesca, alla quale si congiunge dalla basilica di San Francesco tramite l’ingresso a fianco dell’abside; la strada pedonale che unisce Largo Firenze con via Mariani e il teatro (appunto) Alighieri ha del resto il nome di Boccaccio.

"Avvicinandosi il settimo centenario dantesco del 2021, ci sarebbero dunque molte ragioni per restituire la perduta dignità a Largo Firenze, che potrebbe anche diventare, adeguatamente attrezzato, lo snodo di un mirabile percorso turistico a piedi capace di collegare i monumenti della zona di San Vitale con quelli su via di Roma e dintorni, intersecando la zona dantesca - commenta il capogruppo di Lista per Ravenna Alvaro Ancisi - Su Largo Firenze devastato dalla guerra si è avuta una lunga serie di concorsi, idee e progetti volti a risanarne le ferite, tutti però inconcludenti. Il più noto è il progetto dell’architetto Carlo Aymonino, che ha dato vita al “Piano di recupero di iniziativa pubblica per la sistemazione di Largo Firenze”, approvato dal consiglio comunale, nonostante forti opposizioni, nel 1991. Anziché intervenire con soluzioni architettoniche eleganti e raffinate, che mantenessero la caratteristica del tessuto urbano di Ravenna formato da un’alternanza di verde e di giardini e da abitazioni ed edifici pubblici di dimensioni equilibrate, legando lo stile di Largo Firenze ai luoghi danteschi limitrofi, il progetto previde inaudite colate di cemento, che avrebbero addirittura triplicato la precedente volumetria dell’area (da 10 a 30mila metri cubi). Il fallimento è evidente. La sola colata di cemento compiuta, tra quelle previste, è stata il Palazzo dei Congressi, incredibile per l’impatto aggressivo devastante e per la collocazione nel pieno centro storico, inaccessibile e disfunzionale".

Il piano regolatore vigente (PSC 2007) inserisce Largo Firenze all’interno di un vasto “Ambito ad attuazione indiretta ordinaria e/o a programmazione unitaria (POC)”, che parte da via Corrado Ricci e via Guaccimanni per arrivare a via Angelo Mariani. "Un quadrilatero ideale, se convenientemente progettato in funzione del 2021, che però non ha avuto seguito - prosegue Ancisi - Il POC 2010-2015, che ha cancellato il piano Aymonino, non ha fatto altro che destinare Largo Firenze a parcheggio da 80 posti, sia pure opportunamente arredato e integrato nel verde e valorizzandone il contesto storico con opportune risoluzioni architettoniche/artistiche/paesaggistiche, cioè il minimo del decoro. Ma neppure questo si è avuto. Oggi Largo Firenze è solo uno squallido e caotico parcheggio di periferia del quarto mondo, oltretutto a pagamento. Uno spettacolo da tenere lontano dagli occhi dei turisti e dei visitatori. La pavimentazione è la più sfasciata e malridotta possibile: arredi, verde e servizi zero. Da dichiarazioni politiche non validate sul piano amministrativo, si è saputo che la giunta comunale vorrebbe mantenere il parcheggio semplicemente meccanizzandolo, stile ospedale civile e piazza Baracca. Soluzione meno scandalosa, ma sempre un pugno nell’occhio della “Città d’Arte e Cultura”, quale, non meno di Firenze, è Ravenna. Ciò premesso, il consiglio comunale di Ravenna dà mandato al sindaco e alla giunta comunale di proporre al consiglio stesso, entro il primo semestre 2019, un piano particolareggiato di riqualificazione di Largo Firenze, il quale, per quanto essenziale e a breve termine di fattibilità, in vista delle celebrazioni del settimo centenario dalla morte di Dante, si inserisca virtuosamente, come indicato dal vigente Piano Strutturale Comunale PSC 2007, nel contesto storico e culturale che gli è proprio, rappresentato dall’adiacenza con la zona dantesca e dalla prossimità col teatro Alighieri".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drammatico frontale sull'Adriatica, un morto e due feriti gravi

  • Precipita per oltre cento metri dal sentiero di guerra del Pasubio: muore medico in pensione

  • Spaventoso incidente stradale, coinvolte quattro auto: una donna in condizioni gravissime

  • Strage familiare a Foggia, il terzo figlio lavora a Ravenna: "Erano sereni"

  • Rubava nel supermercato dove lavora: dipendente infedele nella rete dei Carabinieri

  • Ennesimo scontro tra auto al solito incrocio di Fiumazzo. Anziano trasportato con l'elimedica al Bufalini

Torna su
RavennaToday è in caricamento