"Vogliamo 2 euro": a Lido di Classe ecco i parcheggiatori abusivi

"Controlliamo le vostre auto fino alle 16, al prezzo di 2 euro". I parcheggiatori abusivi arrivano anche a Lido di Classe. Nell'area verde di fianco a via Amerigo Vespucci

L'area presa in 'ostaggio' dai parcheggiatori abusivi (fonte: Google)

"Controlliamo le vostre auto fino alle 16, al prezzo di 2 euro". I parcheggiatori abusivi arrivano anche a Lido di Classe. Nell'area verde di fianco a via Amerigo Vespucci, la strada a due carreggiate parallela al lungomare in cui parcheggiano tutti i weekend centinaia e centinaia di auto, due persone hanno iniziato a 'gestire' la sosta che normalmente sarebbe completamente gratuita, con la possibilità di parcheggiare il proprio mezzo a cinque minuti a piedi dal mare.

La richiesta è di 2 euro, per controllare l'auto fino alle 16.00. Quando qualcuno fa notare loro che quello che stanno facendo non è giusto, loro si giustificano così: "A Milano Marittima ci sono i rumeni che la fanno da padrone e danneggiano le auto. Noi contro la crisi dobbiamo trovarci un lavoro". Chi parla è un uomo di mezza età, alto, pelato e con occhiali da sole. A spalleggiarlo un uomo basso che, nonostante i quasi 40 gradi, è completamente vestito di nero.

Lido di Classe è una delle mete più ambite dai bagnanti, sia perché gode di una spiaggia ampia, sia perché proprio nell'area verde compresa tra via Vespucci e piazza Esplorazioni vi sono centinaia di parcheggi completamente gratuiti. A quanto pare le forze dell'ordine sono già state allertate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trema la terra poco dopo le 18, scossa di terremoto nel ravennate

  • Allarga la tua casa costruendo una veranda

  • Terremoto nella notte, una nuova scossa fa tremare la terra

  • Macabro ritrovamento in spiaggia: una donna scopre un cadavere in decomposizione

  • Torna il corso per diventare balia di gattini

  • Trova un portafogli pieno di soldi e lo restituisce all'anziano: "La mia religione mi impone di essere onesto"

Torna su
RavennaToday è in caricamento