Alberi crollati sulle auto e strade bloccate: scene da apocalisse a Milano Marittima

Pini divelti schiantati contro auto in sosta. Cartelloni spazzati via come foglie. Queste le conseguenze del sistema temporalesco arrivato dal mare che si è abbattuto sul ravennate

Scene da apocalisse quelle di mercoledì tra Cervia e Milano Marittima - oltre al parco naturale di Cervia devastato da pioggia e vento e alla circolazione dei treni che è stata bloccata tra Lido di Classe e Cesenatico. Pini divelti schiantati contro auto in sosta. Cartelloni spazzati via come foglie. Queste le conseguenze del sistema temporalesco arrivato dal mare che si è abbattuto sul ravennate, colpendo in particolar modo la costa ravennate. Una sfuriata di diversi minuti, sufficiente per seminare tanti danni. Centinaia le piante abbattutte. Una di queste si è abbattuta anche su un autobus del trasporto pubblico locale. Miracolosamente non si ci sono stati feriti. Dove non è stato il vento a fare danni è stata l'acqua, con allagamenti nei sottopassi. Segnalati anche alcuni feriti. Il fenomeno ha interessato una zona molto circoscritta compresa nel Parco Comunale, Via Jelenia Gora e l'asse tra la IV e la IX Traversa.

Danni anche ad infrastrutture mobili e stabilimenti balneari e ricettive. Al lavoro Polizia Locale, Vigili del Fuoco, forze dell'ordine, Protezione Civile e tecnici comunali. E' stato chiuso al traffico viale 2 Giugno tra la V Traversa e l'Anello del Pino. Problemi di viabilità anche su viale Matteotti tra la V e la X Traversa, piazzale Genova e via Jelenia Gora. L'amministrazione comunale raccomanda "attenzione ad alberi o oggetti che potrebbero ancora essere pericolanti e attenzione agli ostacoli che si potrebbero trovare in strada. Vi chiediamo di non intasare le linee telefoniche e di chiamare solo per segnalazioni di emergenza la Polizia Locale al numero 0544979251 oppure i Vigili del Fuoco al numero 115". È stato attivato nella sede della Protezione Civile il Centro Operativo Comunale. Il sindaco Massimo Medri e tutta la squadra del Coc hanno coordinato per tutta la giornata gli interventi. "L'evento di mercoledì mattina a Milano Marittima è stato tanto devastante, quanto veloce e imprevedibile - spiega il sindaco Massimo Medri - In pochissimo tempo abbiamo messo in campo 30 mezzi con 25 squadre e oltre 130 operatori. Continueremo a lavorare senza sosta. Vorrei ringraziarli tutti, Protezione Civile, Forze dell'Ordine, Vigili del Fuoco, Polizia Locale e volontari. Ma anche cittadini e turisti, per la loro collaborazione". Sul restante territorio non sono state segnalate criticità particolari.

Un altro impressionante video: "Sembrava un tornado". Il disastro ripreso dall'alto - VIDEO

La tendenza è per una rapida attenuazione dei fenomeni, con ampie schiarite seguite da ventilazione dai quadranti nord-orientali. Giovedì il cielo si presenterà sereno o poco nuvoloso, con temperature massime che non supereranno i 31°C. Venerdì mattina non si escludono isolati temporali sui rilievi, mentre sabato, annuncia il servizio meteorologico dell'Arpae, "l'afflusso di correnti più fresche, in arrivo dal nord Europa, determinerà un peggioramento della situazione meteo con precipitazioni anche a carattere temporalesco. Da domenica nuvolosità variabile, con scarsa probabilità di precipitazioni. Temperature in flessione nella giornata di sabato poi in graduale e lento aumento".

L'ordinanza

Per fini precauzionali e per consentire il veloce ripristino degli alberi caduti, è in vigore un'ordinanza che vieta l'accesso a persone e mezzi in un'ampia zona di Milano Marittima. A causa del maltempo che ha imperversato questa mattina, il sindaco Massimo Medri ha firmato un'ordinanza, dettata appunto dalla "gravità dell'evento, attualmente in atto, che può comportare grave rischio per la pubblica e privata incolumità". Le persone che si trovano nell'area non devono in alcun modo intralciare i mezzi impegnati nelle attività di ripristino. I proprietari delle abitazioni danneggiate dal crollo di alberi devono, nel caso di piante private, provvedere alla loro rimozione e alla verifica strutturale dell'immobile chiamando un tecnico competente prima di entrare in casa. Se invece gli alberi sono di proprietà pubblica, i cittadini devono segnalare il danno al Comando di Polizia locale, non entrare nell'abitazione e seguire le indicazioni suggerite per telefono, controllare lo stato delle reti e segnalare eventuali criticità. Divieto di accesso anche del Parco Naturale di Cervia Pineta di Cervia e Milano Marittima.
Nell'immagine sottostante l'area in cui è vietato l'accesso
area_divieto_accesso-2

Hera in campo per il ripristino dei servizi

Il Gruppo Hera ha attivato tutte le risorse disponibili per verificare lo stato delle infrastrutture gestite e attivare da subito gli interventi per un pronto ripristino dei servizi. I danni più ingenti si rilevano sull’impianto cittadino dell’illuminazione pubblica, dato che il maltempo ha provocato la rottura di numerose linee – sia aeree sia interrate - di lampade semaforiche e punti luce. Al momento la multiutility è operativa sul campo con tutte le risorse disponibili per mettere in sicurezza gli impianti, ripristinare la situazione e garantire il servizio alla popolazione. Tuttavia l’area interessata dal disastro è significativa e richiederà un prolungato intervento per riportare i servizi della città alla normalità, anche per via delle gravi difficoltà alla viabilità e al territorio causate dalla caduta degli alberi.

Per quanto riguarda i servizi ambientali, si riscontrano alcuni danni ai contenitori stradali, che verranno riposizionati o sostituiti appena possibile. Sempre in conseguenza delle difficoltà nel percorrere alcune strade della città potrebbero verificarsi alcuni ritardi nello svolgimento del servizio di raccolta dei rifiuti. Sempre in subordine rispetto alla rimozione di piante e rami caduti, ad opera degli organismi preposti, verrà anche attivato un servizio aggiuntivo di spazzamento e pulizia delle strade. Le note positive: fortunatamente gli impianti di distribuzione del gas e le reti acquedottistiche e fognarie sembrano non avere riportato danni. Tutte le reti sono costantemente monitorate dalle sedi del telecontrollo, che evidenziano una situazione di sostanziale normalità. Inoltre, tecnici di Inrete – la società del Gruppo Hera che nell’area si occupa della distribuzione gas – hanno già svolto sopralluoghi presso tutti i principali snodi dell’infrastruttura senza rilevare danni visibili, così come in ordine risulta al momento la rete. Le squadre sono comunque ancora impegnate nelle verifiche, per assicurare la massima attenzione. Anche dal punto di vista delle reti idriche i controlli sul territorio non hanno sinora evidenziano particolari criticità: sono state riscontrate alcune rotture di piccola entità, procrastinabili al momento in cui le aree saranno libere e disponibili per consentire le lavorazioni. I numeri per la richiesta di pronto intervento, attivi 24 ore su 24 tutti i giorni, da usare solo in caso di emergenza sono i seguenti: Hera luce 800498616, gas 800713666, acqua e fognature 800713900.

Le reazioni della politica

"Vicinanza e sostegno a tutti gli abitanti, operatori balneari e turistici di Cervia e Milano Marittima che nelle scorse ore sono stati colpiti da una forte ondata di maltempo - commenta il sottosegretario alla giustizia Jacopo Morrone - I danni sono evidenti e moltissimi, tutte le istituzioni faranno fin da subito la propria parte per porre rimedio all’emergenza. Grazie a tutti i Vigili del fuoco, le Forze dell’ordine e alla Protezione civile che sono intervenuti anche dai comuni limitrofi come Forlì e Ravenna".

"Un colpo al cuore questa mattina: una porzione di Milano Marittima dalla prima traversa all'anello del pino è stata duramente colpita da una tromba d'aria che ha fatto enormi danni al patrimonio verde della città ed a molte attività economiche - commenta invece l'ex sindaco Luca Coffari - Esprimo tutta la mia vicinanza agli operatori economici duramente colpiti oltre che un abbraccio a tutte le persone impegnate a nell'emergenza: il sindaco Massimo Medri, i dipendenti Comune di Cervia, i volontari di protezione civile Lance Cervia, Carabinieri, Vigili del fuoco di Cervia, Polizia Municipale. Abbiamo affrontato già tremende emergenze (penso al 2015, con la devastazione della pineta e vari allagamenti), ci siamo però rialzati subito e ora la pineta di Pinarella e Tagliata che era quasi distrutta è tornata a vivere più bella di prima. Sono sicuro che ritorneremo presto operativi e con la città accogliente e bella come sempre!".

"Come Capogruppo del Partito Democratico, esprimo la mia solidarietà nei confronti dei cittadini, degli operatori economici e delle istituzioni - aggiunge Antonio Emiliano Svezia, capogruppo Pd in consiglio comunale - Un giorno che gli abitanti di Cervia-MilanoMarittima ricorderanno bene! Stabilimenti balneari e ristoranti di spiaggia devastati sotto la furia del vento forte, danni all'interno del parco naturale (fortunatamente gli animali stanno bene), alberi caduti e tantissima pioggia. Risultato: danni ingenti alle auto, alle attività economiche, alle strade e alle casse comunali che dovranno ripianare i conti dei primi interventi. Occorre innanzitutto riconoscere lo stato di calamità naturale. Un particolare ringraziamento a tutti coloro che stanno collaborando in queste ore per ripristinare le situazioni più gravi, dalla Protezione Civile alle Forze dell'Ordine, dalle associazioni di volontariato ai cittadini volenterosi".

"Alberi sradicati, auto distrutte, case danneggiate, interi stabilimenti balneari con danni gravissimi. Ancora una volta l’Emilia-Romagna si trova ad essere scenario di un evento climatico devastante - commentano i consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle Andrea Bertani e Raffaella Sensoli, il senatore Marco Croatti e il consigliere comunale Massimo Bugani - Innanzitutto vogliamo esprimere la nostra solidarietà ai cittadini di quei territori, perché un evento del genere, in piena stagione estiva, è un danno per l'economia turistica. Siamo vicini a tutti gli imprenditori che hanno subìto per l'ennesima volta danni dal maltempo e, anche se non è accettabile che si continui a intervenire sempre in emergenza, solleciteremo la Regione affinché valuti velocemente azioni di sostegno. In ogni caso però non possiamo più continuare a parlare di fatalità quando succedono eventi di questo tipo che stanno diventando tutt’altro che eccezionali. Purtroppo, tutti i dati ci dicono che trombe d’aria, violente grandinate e downburst saranno sempre più frequenti. Ecco perché servono soluzioni efficaci, non promesse e parole. Ed è paradossale che proprio nella giornata di una nuova emergenza climatica in Emilia-Romagna, Bonaccini presenti l’ennesima opera di puro cemento e smog, l’autostrada regionale Cispadana. Come possiamo pensare di prevenire emergenze come quelle di Milano Marittima se si continuano a investire soldi, tempo e spazio esclusivamente in traffico su gomma, smog e consumo di suolo? Serve un cambio di orizzonte. Non c’è più tempo da perdere. E quello che è successo oggi ne è la dimostrazione".

"Un colpo al cuore vedere quello che è accaduto a Milano Marittima - insiste l'assessore regionale al turismo Andrea Corsini - Una violenta tromba d’aria ha messo in ginocchio tante imprese turistiche nel pieno della stagione estiva. Mi sono recato subito a Cervia e ho verificato la situazione con i miei occhi. Come Regione ci siamo già attivati insieme al Comune e alla Protezione Civile e mercoledì pomeriggio anche il Presidente Stefano Bonaccini farà visita a Cervia. Sono vicino a tutti gli imprenditori, bagnini, albergatori, commercianti, ristoratori e ai cittadini colpiti da questo violento evento atmosferico, assicuro la totale collaborazione della Regione. Ora la priorità per tutti è quella di consentire il ritorno alla normalità e il pieno ripristino delle attività economiche e delle abitazioni nel più breve tempo possibile Ci rialzeremo più forti di prima!".

"A Milano Marittima ho passato tutte le estati della mia infanzia, frequentato le scuole elementari, lavorato in spiaggia e passato tante serate spensierate con gli amici di una vita - aggiunge il sindaco di Ravenna Michele de Pascale - Siamo tutti con il cuore a fianco del sindaco Massimo Medri e di tutti gli imprenditori di Milano Marittima colpiti questa mattina da una violentissima tromba d'aria". "Sono vicino alle famiglie e alle attività economiche di Cervia e Milano Marittima pesantemente colpite da un devastante temporale che ha travolto tutto - dice il deputato Marco Di Maio -.  Un fenomeno che, pur con intensità inferiore, ha interessato tutta la costa adriatica con feriti, danni incalcolabili ed effetti pesantissimi. In un momento così drammatico sono necessari la massima unità e l’impegno più assoluto per offrire tempestivamente ogni aiuto possibile a chi è rimasto vittima di questo vortice".

SPECIALE MALTEMPO

Alberi crollati sulle auto e strade bloccate: scene da apocalisse a Milano Marittima
Le crolla un albero addosso mentre passeggia in pineta: donna in gravi condizioni
VIDEO - Gli aberi sradicati si abbattono su auto e bus: caos a Milano Marittima
Il maltempo manda in tilt la circolazione ferroviaria: treni bloccati per un guasto alla linea
Il vento devasta il parco di Cervia: alberi crollati e arredi distrutti
Ancora temporali sul ravennate: pioggia dal mare alla collina
Milano Marittima devastata dalla tempesta: la spiegazione del violento evento atmosferico
Un altro impressionante video: "Sembrava un tornado". Il disastro ripreso dall'alto - VIDEO

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Soci, clienti e lavoratori: apre a Ravenna il primo supermercato autogestito della Romagna

  • Si allena con la bici per l'Ironman, ma in autostrada: caos sull'A14

  • Finge un problema all'auto e blocca le due presunte ladre d'appartamento

  • Camion resta bloccato sul ponte: "Pericolosissimo, si aspetta che crolli?"

  • Scoppia un incendio nell'azienda di pallet: alta colonna di fumo nero in cielo

  • Lotta per la vita il 14enne precipitato da un balcone dell'hotel

Torna su
RavennaToday è in caricamento