Massaggi orientali e sesso, cinese in trasferta a Bolzano arrestata a Russi

Era la responsabile di un centro massaggi, a Pineta di Laives (in provincia di Bolzano), che offriva servizi hard. Una cinese di 41 anni, residente a Russi, è stata arrestata dai Carabinieri del Comando Provinciale di Bolzano

Era la responsabile di un centro massaggi, a Pineta di Laives (in provincia di Bolzano), che offriva servizi hard. Una cinese di 41 anni, residente a Russi, è stata arrestata dai Carabinieri del Comando Provinciale di Bolzano insieme ad altre cinque persone con l'accusa di associazione a delinquere finalizzata all’induzione e allo sfruttamento a livello “industriale” del mercato del sesso. Sono stati sequestrati gli immobili sequestrati e decine le perquisizioni ancora in corso su tutto il territorio nazionale.

L'organizzazione reclutava ragazze solo di etnia cinese e reclutate attraverso inserzioni su riviste cinesi, allettate da promesse di attività lavorative lecite con la prospettiva di uno stipendio garantito fino a 3500 eyro al mese e poi costrette – pena l’allontanamento immediato - a prostituirsi all’interno dei centri massaggio (o con servizio a domicilio a costi raddoppiati) a Bolzano (2), Pineta di Laives e Trento.

L’attività investigativa condotta dai Carabinieri della Compagnia di Egna ha permesso di delineare i vari ruoli – capi e gregari - degli arrestati all’interno dell’organizzazione definendo i compiti e mansioni per ciascuno di essi, dal reclutamento, alla pubblicizzazione, alla scelta degli immobili con contratti d’affitto ad hoc e attivazione utenze, fino al sostegno logistico e la fidelizzazione del cliente. Imponente il flusso di denaro documentato: ogni prostituta arrivava a soddisfare una media di circa 25 clienti al giorno e ciascun centro era in grado di gestire anche 1300 chiamate giornaliere.

Gli annunci che comparivano sui quotidiani locali di più ampia diffusione sono tutti dal seguente tenore: “Massaggi orientali, per il tuo benessere psico-fisico, aperto tutti i giorni. Tel.: …….…” oppure  “Nuovo centro massaggi a Bolzano con vasca idromassaggio, vieni a provare. Tel.: ……..….” seguiti da un numero telefonico variabile, rintracciabile anche in internet, con i motori di ricerca, all’interno di siti per incontri a carattere sessuale, abbinati a foto raffiguranti ragazze orientali, giovani, in pose ammiccanti e poco vestite.

Al vertice dell’organizzazione, vi era una cinese di 51 anni, residente a Delebio (SO), ma domiciliata a Trento, responsabile di avere costituito, organizzato e diretto l’associazione a delinquere occupandosi direttamente del reclutamento delle donne, mediante inserzioni pubblicate su giornali in lingua cinese, e di aver contrattato con le interessate i termini economici e logistici con promesse di guadagni anche di 3500 euro al mese.

Una volta irretite le ragazze, la 51enne  imponeva unilateralmente i prezzi delle prestazioni ma soprattutto gestiva i pagamenti alle dipendenti in base alla loro attività ed al loro rango all’interno dell’organizzazione. Al suo fianco ma legati da un vincolo di subordinazione altri cinque componenti, tra cui la 41enne residente a Russi.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Incidenti stradali

      Si schianta contro un'auto in fase di svolta sulla Felisio: centauro in gravi condizioni

    • Cronaca

      Maxi zuffa nella movida di Milano Marittima: fuggi fuggi e tre arresti

    • Cronaca

      La birreria incontra il night club: "I soci potranno bere una birra godendosi uno spogliarello"

    • Incidenti stradali

      Ciclista travolta ed uccisa da un'auto: la Polizia Municipale cerca testimoni

    I più letti della settimana

    • Dopo il tamponamento viene sbalzata nell'altra corsia e centrata in pieno: muore a 26 anni

    • Dramma sulla Circonvallazione di Faenza: un morto in un terribile frontale contro un camion

    • Faenza, tre nuovi autovelox: ecco dove sono stati installati

    • La bici si spezza nell'impatto: muore travolta da un'auto

    • "Lavoravo 70 ore a settimana a 5 euro l'ora, è lecito rifiutare lavori sottopagati"

    • Giorgia e Laura dicono "sì" davanti al sindaco: "Ora siamo una famiglia"

    Torna su
    RavennaToday è in caricamento