Maxi zuffa nella movida di Milano Marittima: fuggi fuggi e tre arresti

Due romeni, rispettivamente di 31 e 36 anni, ed un 45enne italiano, tutti residenti nel cervese, sono stati arrestati nel cuore della nottata tra giovedì e venerdì dai Carabinieri

Hanno già precedenti per rissa, lesioni personali e porto di oggetti atti ad offendere. Due romeni, rispettivamente di 31 e 36 anni, ed un 45enne italiano, tutti residenti nel cervese, sono stati arrestati nel cuore della nottata tra giovedì e venerdì dai Carabinieri dell'Aliquota Radiomobile della Compagnia di Cervia e Milano Marittima per rissa aggravato. Era circa l'una, quando le pattuglie dell’Aliquota Radiomobile, della stazione di Filetto e viale Alberoni sono state fatte convergere in viale Milano a Milano Marittima, poiché sul numero di pronto intervento “112” era stata segnalata una violenta rissa tra numerose persone davanti ad alcuni un noto street bar.

All’arrivo dei militari, nel fuggi fuggi generale, i tre uomini sono rimasti ad accapigliarsi tra di loro, tanto che per fermarli era necessario ricorrere allo spray al peperoncino. Il 36enne ed il 45enne hanno dovuto ricorrere alle cure dei sanitari del 118, venendo trasportati all'ospedale "Santa Maria delle Croci" di Ravenna. Nella circostanza il 36enne ha riportato un “trauma cranico e ferite multiple lacero contuse del cuoio capelluto, e degli avambracci”, venendo dimesso con 18 giorni di prognosi, mentre al 45enne gli è stato riscontrato con un “trauma cranico commotivo frattura composta malleolo-peronale”, con 30 giorni di guarigione.

Illeso il terzo contendente.Dai primi accertamenti sembra che romeni, mentre si trovavano in strada, hanno iniziato una discussione per futili motivi con l’Italiano, spalleggiato da alcuni suoi amici, degenerata poi in una rissa.   Le indagini sono in corso e, anche attraverso l’analisi dei filmati estrapolati dalle numerose telecamere presenti in quella zona, gli inquirenti stanno cercando di identificare gli altri individui che si sono dileguati. I tre arrestati sono stati associati al carcere di Ravenna in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto.

Potrebbe interessarti

  • La sabbia invade casa? Ecco come ripulirla

I più letti della settimana

  • Gira nuda per il paese urlando contro il compagno, poi si scaglia contro un Carabiniere

  • Accoltella a morte il socio al culmine di una furiosa lite

  • Uccide il compagno con una coltellata: chi era la vittima dell'omicidio della piadineria

  • Un altro morto nel drammatico incidente di via Bastia: tragico bilancio

  • I passanti vedono del fumo uscire dal ristorante: dentro era scoppiato un incendio

  • Investito e lasciato morire: fissata l'autopsia, giovane accusata di omicidio stradale

Torna su
RavennaToday è in caricamento