Meno plastica in spiaggia, Legambiente: "Ancora non abbastanza"

Legambiente Ravenna interviene sul protocollo triennale presentato mercoledì mattina dal Comune di Ravenna insieme alla Cooperativa Spiagge Ravenna ed Hera

Legambiente Ravenna interviene sul protocollo triennale presentato mercoledì mattina dal Comune di Ravenna insieme alla Cooperativa Spiagge Ravenna ed Hera, che vedrà tra il 2019 ed il 2021 un serie di interventi finalizzati alla riduzione dei rifiuti plastici e quindi della possibilità che vengano dispersi nell’ambiente.

“Il protocollo mira a una progressiva riduzione dell’usa e getta in plastica negli stabilimenti balneari del 30% nel 2019, del 50% nel 2020 e del 100% nel 2021 - spiegano da Legambiente - Un risultato sicuramente auspicabile, ma che necessita di spinte più “aggressive” già a partire dal prossimo anno, visto l’entrata in vigore della Direttiva Europea sulla riduzione della plastica al 2021”.

Nello specifico, l’associazione ambientalista richiama la necessità di definire, quantomeno per la prossima stagione estiva per quanto riguarda gli stabilimenti balneari, disposizioni che non si fermino alla sola attività informativa e di sensibilizzazione verso gli stessi, ma valutare l’emanazione di ordinanze ad hoc per il divieto dell’usa e getta in plastica (sull’esempio di Rimini per bicchieri e cannucce) favorendo materiali compostabili e lavabili/riutilizabili.

“Una scelta che sicuramente già dal prossimo anno vedrebbe risultati incoraggianti rispetto gli obiettivi indicati dal protocollo e che faciliterebbe il monitoraggio del loro raggiungimento, altrimenti poco quantificabile - continuano gli ambientalisti - E' inoltre buono l’intervento di divieto di fumo lungo la battigia e specchio acqueo antistante per evitare l’abbandono di mozziconi direttamente in acqua: sarebbe però ulteriormente necessario stimolare e premiare gli stabilimenti affinchè si attrezzino per dedicare solo alcune aree all’interno dello stabilimento ai fumatori. L’impegno di una regione libera dalla plastica usa e getta va poi ribadito anche per quelle attività commerciali che non per forza si affacciano sul mare, citando gli impegni presi dal presidente regionale Bonaccini pochi giorni fa. In questo modo si evidenzierebbe l’impegno di Ravenna nella riduzione dei rifiuti anche in previsione della necessaria chiusura dell’inceneritore".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ottima notizia l'avvio della campagna #ilmaredicebasta - aggiungono da Articolo 1 Movimento democratico progressista di Ravenna - Nel corso due mesi abbiamo più volte sollecitato l'amministrazione tutta e l'assessore all'ambiente in consiglio comunale per mettere in campo azioni volte alle diminuzioni del consumo di plastica monouso, alla riduzione dei rifiuti sull'arenile e una campagna di sensibilizzazione diffusa. In questo progetto vediamo enorme potenzialità, responsabilizzazione degli operatori, dei cittadini e dei turisti, del gestore. Un progetto che fa fare un passo avanti sia nella diffusione di un messaggio giusto e urgente sia nella costruzione di ordinanza sul divieto fumo sul bagnasciuga sia tante iniziative di valore (dai bidoni per la marineria e i circoli velici a quelli nelle spiagge libere) stanti momenti di formazione verso i fruitori e gli operatori".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un ravennate in Nuova Zelanda: "Guardavano noi italiani con diffidenza, ora il panico è arrivato anche qua"

  • A pochi giorni di distanza il Coronavirus porta via marito e moglie

  • Schianto fatale all'incrocio con un camion: perde la vita un 78enne

  • Schianto all'incrocio con un camion: anziano in ospedale in condizioni gravissime

  • Il cuore grande dei romagnoli: vacanze in campeggio gratis per medici e infermieri

  • Scompare da casa, vasta ricerca delle forze dell'ordine su tutto il territorio

Torna su
RavennaToday è in caricamento