Fissata la riapertura del Mercato Coperto: ristoranti, bar e anche un supermercato

Habemus datam: il cantiere del Mercato Coperto, attivo da anni nel cuore di Ravenna, si prepara ad aprire le porte al pubblico in una veste completamente rinnovata

Habemus datam: il cantiere del Mercato Coperto, attivo da anni nel cuore di Ravenna e rimasto fermo diversi mesi dell'ultimo anno a causa dei noti problemi della Cmc, si prepara ad aprire le porte al pubblico in una veste completamente rinnovata.

La riapertura del Mercato Coperto è stata fissata per giovedì 5 dicembre, a quasi cento anni dalla prima inaugurazione del 1922. Uno sforzo immane quello per la riqualificazione del Mercato Coperto, che negli ultimi quattro anni è stato al centro dei lavori realizzati da Coop Alleanza 3.0. Al termine del cantiere, gli investimenti ammontano a 12,4 milioni di euro, di cui 10,4 milioni di Coop Alleanza 3.0 per il restauro e l’adattamento funzionale dell’edificio e la realizzazione del punto vendita Coop, e 2 milioni di euro di Molino Spadoni per l’allestimento degli spazi e la gestione della struttura.

Il nuovo Mercato Coperto

Il “nuovo” mercato sarà aperto tutti i giorni, dal primo mattino fino a tarda sera, e vi lavoreranno circa 40 persone. La nuova opera da un lato arricchirà la rete commerciale legata al gusto, che con l'aspettativa del Mercato Coperto è molto cresciuta negli ultimi anni, dall'altro sarà un grande contenitore polifunzionale, dunque anche culturale. Nell'obiettivo del nuovo Mercato coperto c'è la volontà di portare avanti una proposta diversa e variegata, una sorta di "piazza coperta" dove i ravennati possano riunirsi.

La struttura e l'offerta

Il progetto del Mercato Coperto ha assicurato il recupero degli esterni e la riqualificazione funzionale degli interni, preservando le caratteristiche storiche ed artistiche dell’edificio. Porta la firma di Paolo Lucchetta, uno dei maggiori architetti italiani del settore: fondatore di RetailDesign, docente e responsabile scientifico del Master Iuav in Retail Architecture and Design for Social and Commercial Purposes.

Nel recupero, si è puntato a realizzare uno vero centro di attrazione economica e sociale per la città, con una particolare attenzione alla accessibilità ed alla sostenibilità. Il Mercato Coperto potrà contare su un nuovo ingresso verso via Cavour che lo connetterà meglio all’area circostante, valorizzando questa parte del centro storico ravennate. All’interno, è stato invece realizzato un primo piano, all’altezza delle capriate della copertura e dei pregevoli pilastri in ghisa esistenti, portando a circa 4.000 metri la superficie calpestabile (circa 1.400 metri in più). Il nuovo piano è accessibile grazie a due nuove scale di sicurezza, una scala mobile e un ascensore centrale, una ulteriore scala pedonale aperta. L’illuminazione generale, indiretta, renderà l’ambiente più suggestivo ma anche più confortevole e accogliente. 

Diviso in due piani, il Mercato Coperto ospiterà al piano terra una molteplicità di ambienti per garantire un’offerta gastronomica fatta di gusto, qualità, tradizione e scoperta insieme; nell’area di ingresso, che potrà ospitare anche servizi per i turisti, ci saranno i banchi dove acquistare o degustare sul posto le migliori eccellenze del territorio e un piccolo supermercato con prodotti freschi e conservati. Tra gli spazi previsti ci sono bar, pralineria e gelateria, laboratori artigianali per realizzare a vista i prodotti; si servirà birra cruda, piadina, salumi, formaggi e anche pizza. Non mancheranno poi il pane, la pescheria e un banco macelleria sarà anche griglieria. Al piano superiore, accessibile tramite una scala mobile, si troverà un’area cocktail-bar e piccola ristorazione, con tavoli e sedute, Inoltre un palco destinato a spettacoli, concerti, presentazioni ed eventi con la possibilità di ospitare fino a 350 persone.

E' stato svelato anche il nuovo logo del Mercato Coperto, che recupera la simbologia antica dei due delfini, o forse dei mitologici pistrici, legato al passato della città. Il delfino è simbolo di fortuna e ricchezza e compare su molti altri monumenti ravennati, come Galla Placidia e la Basilica di San Vitale. E’ uno dei simboli della città, e delle origini del Mercato che è nato appunto nell’area destinata fin dal medioevo al Mercato del Pesce. E speriamo che i delfini (o pistrici) continuino a portare fortuna e ricchezza alla città.

LogoMercatoCopertoDiRavenna-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fai l'abbonamento e mangi quante volte vuoi: apre a Ravenna un 'ristorante popolare', e cerca personale

  • Il Natale arriva in anticipo: acquista un gratta e vinci e incassa una vincita milionaria

  • Spaccata all'Unieuro: suv ariete per abbattere la saracinesca, razzia di pc e smartphone

  • La Finanza scopre un giro di fatture false per quasi un milione: maxi sequestro

  • Black Friday, gli sconti da non perdere in negozio e online

  • Maltempo senza tregua, fiumi e canali osservati speciali. E sul litorale una domenica critica

Torna su
RavennaToday è in caricamento