La collisione tra due navi causa uno sversamento di gasolio: caos al porto

Il porto è stato chiuso sia in entrata che in uscita per permettere le operazioni di bonifica

Caos al porto all'alba di mercoledì mattina, quando poco prima delle sette una porta-container portoghese in ingresso e diretto al Tcr è andato in avaria. Il pesante mezzo ha sbandato a sinistra impattando contro un rimorchiatore 'Mn Bf Philipp', ormeggiato in banchina sul lato Marina di Ravenna, causando la rottura di una cassa di gasolio del rimorchiatore e uno sversamento di gasolio nel Candiano.

Subito si è attivato il protocollo d'emergenza con l'intervento della Capitaneria di Porto e di una ditta specializzata per il contenimento del liquido. Le operazioni di bonifica proseguiranno almeno per tutta la giornata, attualmente non si sarebbero verificate situazioni di emergenza ambientale. Il porta-container è stato rimorchiato e portato nella banchina del Tcr; non si registrano feriti, mentre il porto è stato chiuso sia in entrata che in uscita per permettere le operazioni di bonifica. Sul posto, oltre alla Capitaneria di Porto, anche i Carabinieri di Ravenna e la Polizia di stato. Proprio mercoledì ricorre il 32esimo anniversario della strage della Mecnavi, che si consumò a bordo della motonave gasiera Elisabetta Montanari, nei cantieri del porto di Ravenna, e che costò la vita a 13 lavoratori rimasti asfissiati.

"L’incidente - dichiara il vicesindaco con delega al porto Eugenio Fusignani - ci ha dato la conferma che gli imprevisti sono sempre pronti a modificare la normalità ma, soprattutto, di come il sistema portuale abbia capacità d’intervento collaudata ed efficace. Fortunatamente, in questa giornata che ricorda la più grave tragedia del lavoro avvenuta nel nostro territorio, non ci sono stati feriti. Questo ci deve far riflettere, ancora una volta di più, su quanto sia indispensabile investire in tutto ciò che riguarda la sicurezza sul lavoro. I danni materiali hanno trovato invece subito risposta dal richiamato sistema, con al centro la Capitaneria di Porto, che ha evitato un danno più consistente riuscendo a contenere le fuoriuscite di carburante dal rimorchiatore coinvolto nell’incidente. Uno scalo come il nostro, nel quale transitano 3500 navi, necessita quanto mai delle attenzioni e delle capacità di intervento finora dimostrate, ma anche delle opportune opere per adeguare i fondali e le banchine, in una parola le opere attese con il progetto hub portuale, che è sempre più stringente nella sostanza e indifferibile nei tempi. Per questo, nel complimentarmi con quanti hanno operato in questa mattinata, riconfermo l’impegno della nostra amministrazione a tenere alta l’attenzione verso il progetto hub portuale e tutto quanto si rende necessario per garantire la competitività del nostro scalo".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Precipita per oltre cento metri dal sentiero di guerra del Pasubio: muore medico in pensione

  • Spaventoso incidente stradale, coinvolte quattro auto: una donna in condizioni gravissime

  • Rubava nel supermercato dove lavora: dipendente infedele nella rete dei Carabinieri

  • Schianto in A14 tra una moto e un'auto: in gravi condizioni un ravennate

  • Ennesimo scontro tra auto al solito incrocio di Fiumazzo. Anziano trasportato con l'elimedica al Bufalini

  • Il figlio è ubriaco e dà in escadescenza, la mamma chiama la Polizia: era ricercato per una condanna per tentato omicidio

Torna su
RavennaToday è in caricamento