Offshore in ginocchio: "A fine anno perdita di fatturato di 650 milioni di euro"

"Le ripercussioni sono importanti sul piano occupazionale. Quasi tutte le società associate hanno dovuto licenziare o, nelle migliori situazioni, mettere personale in cassa integrazione, ferie o smart working"

Le aziende associate al Roca lavorano prevalentemente per le compagnie petrolifere che operano in tutto il mondo. Le attività in Italia sono praticamente ferme da anni, quindi le commesse devono essere ricercate all’estero, per non perdere la tecnologia acquisita in oltre 50 anni di esperienze.

“Le previsioni per l’anno 2020 erano molto ottimistiche - spiega Franco Nanni, presidente del Roca - C’erano, infatti, ottime aspettative di lavoro all’estero. Anzi, numerose commesse erano già nel portafoglio ordini, ma purtroppo sono sopravvenuti due gravi accadimenti: il Coronavirus, che ha economicamente colpito quasi la totalità del mondo imprenditoriale, e la diminuzione del prezzo del petrolio che ha congelato molti progetti in essere e soprattutto futuri investimenti nel settore. Il 2020 si presentava con un aumento del fatturato di circa l’8% (1,6 miliardi di euro contro 1,4 miliardi del 2019) e anche l’occupazione sarebbe stata con un analogo incremento. Purtroppo, i due eventi negativi sono stati uno tsunami per l’imprenditoria del settore. L’88% dei nostri associati ha dovuto abbandonare commesse causa Covid-19 e il 55% ha dovuto sospendere commesse causa la riduzione del prezzo del petrolio. Di conseguenza, anche il fatturato ha subito una contrazione calcolata del 20% rispetto al 2019 (ovvero 28% sul preventivato)".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma le previsioni per il secondo semestre sono ancora più negative perché, salvo una improbabile ripresa, le oil company hanno congelato molti progetti. "La perdita del fatturato a fine 2020 potrebbe essere di 450– 650 milioni di euro - continua Nanni - Le ripercussioni sono importanti sul piano occupazionale. Quasi tutte le società associate hanno dovuto licenziare o, nelle migliori situazioni, mettere personale in cassa integrazione, ferie o smart working. Infatti, ad aprile il 65% del personale italiano era in questa condizione. Se non ci sarà una ripresa, l’occupazione nel secondo semestre sarà realmente catastrofica. Il risvolto negativo si riverserà anche nell’indotto della città di Ravenna. Omc ha già dovuto cancellare la tradizionale manifestazione sulle energie alternative Rem 2020 in programma a marzo scorso e forse riproponibile in autunno. Probabilmente, si dovrà rimodulare anche Omc 2020. Ricordiamo che la manifestazione porta a Ravenna circa 25.000 visitatori. Roca ha proposto al Governo lo sblocco immediato delle attività offshore in Adriatico, che potrebbe portare nuovi investimenti e un conseguente aumento occupazionale. L’Italia importa oltre il 90% del gas metano che potrebbe, invece, essere prodotto dalle riserve in Adriatico, con un conseguente beneficio alla bilancia dei pagamenti, alle famiglie, all’inquinamento e, soprattutto, porterebbe occupazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto tra tre auto all'incrocio: muore un automobilista

  • Scontro tra due ciclisti nel sottopasso: uno è in condizioni gravissime

  • Perde il controllo della moto e cade nel fosso: interviene l'elicottero

  • Donna "molesta" in un bar, ma quando la Polizia arriva lei è in balìa delle onde del mare: salvata

  • La Riviera ha tanta voglia di ripartire: si anticipa la riapertura degli stabilimenti balneari

  • Investito mentre va in bici insieme ad altri ciclisti: si alza l'elicottero dei soccorsi

Torna su
RavennaToday è in caricamento